E-Cat e fotovoltaico: matrimonio possibile?

E-Cat e fotovoltaico: matrimonio possibile?

Andrea Rossi rispondendo ad alcune domande da parte dei fan conferma la possibilità di integrare fotovoltaico e reattori a fusione fredda

La curiosità dei fan dell’E-Cat è sempre grande. A volte le domande poste ad Andrea Rossi via blog, nonostante una certa ingenuità, aiutano a capire meglio la portata potenziale del celebre reattore a fusione fredda. Portata, ovviamente, solo teorica, visto che non sono pochi i dubbi che aleggiano sopra il suo reale funzionamento.

In questi giorni Rossi ha dovuto rispondere a due domande interessanti. Sappiamo che l’E-Cat, nei suoi diversi modelli, ha bisogno di una fonte di energia esterna per accendersi. Per realizzare impianti autonomi dalla rete energetica, caratteristica utile in certi casi, da tempo si prospetta la messa a punto del cosiddetto Gas-Cat. Si tratterebbe, allora, di innescare la reazione tramite un generatore d’energia a gas. Questa soluzione vorrebbe comunque la presenza di gas, via rete o altro. Per questo motivo la prima domanda posta a Rossi verteva sulla possibilità di utilizzare delle batterie.

Rossi ha risposto che stanno effettivamente valutando la cosa. Ma sussistono forti dubbi e perplessità attorno all’attuale efficienza energetica delle moderne batterie.

Perché non sostituire, allora, la batteria con un mini sistema fotovoltaico dotato di sistema di accumulo? Rossi ha confermato che, teoricamente, la soluzione sarebbe praticabile. Di fatto, capiamo bene come non possa essere particolarmente economica.

L’utilità però sarebbe quella di permettere l’installazione di E-Cat anche in luoghi poco accessibili. Potenzialmente una situazione interessante. Ma va ricordato come al momento i modelli di E-Cat su cui Rossi ed i suoi stanno lavorando maggiormente siano grossi impianti industriali. Risulta, allora, difficile capire a questo stato dei lavori il senso di queste ipotesi. A meno di non provare a guardare le cose in prospettiva: queste ipotesi ci mostrano, infatti, la teorica flessibilità della soluzione E-Cat. Flessibilità che è, alla fine, il motivo per cui tanto si parla di questo congegno, il cui funzionamento resta, come detto, da dimostrare.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

MCE 2018: intervista a Gabriele Pianigiani – Midea