• GreenStyle
  • Energia
  • E-Cat: Andrea Rossi al lavoro su una centrale elettrica a fusione fredda

E-Cat: Andrea Rossi al lavoro su una centrale elettrica a fusione fredda

E-Cat: Andrea Rossi al lavoro su una centrale elettrica a fusione fredda

Mentre sempre più media ufficiali USA si stanno interessando all'E-Cat, Andrea Rossi annuncia di puntare ad una centrale elettrica a "fusione fredda"

Anche i media statunitensi stanno cominciando ad interessarsi all’invenzione dell’ingegnere Italiano Andrea Rossi. L’E-Cat reclama i propri spazi ed una certa attenzione; giustamente, dato che, se non si rivelasse una bufala, sarebbe in grado di influenzare profondamente l’attuale situazione politico-economica.

Se siti internet di importanti reti televisive, come Fox News, CBS o MSNBC, avevano già scritto i loro articoli, la notizia di oggi è che Bloomberg TV ha realizzato e mandato in onda un vero e proprio servizio su Rossi e la sua invenzione – presentata come il Sacro Graal dell’energia. Una buona notizia per Rossi ed i suoi fan. Meno per i detrattori, tra cui l’irriducibile Steven B. Krivit, che se la prende con blogger e giornalisti vari accusandoli di diffondere notizie false o non confermate sul lavoro di Rossi. Sul banco degli imputati anche l’edizione britannica di Wired.

Sul web a focalizzare l’attenzione sono però soprattutto i progetti futuri di Rossi. Se a noi ha annunciato che gli E-Cat domestici saranno commercializzati fra solo due anni, per i prossimi mesi la road map sembra affollatissima. Non solo sarebbero in costruzione nuovi impianti da 1 MW, ma il prossimo step dovrebbe essere la progettazione e la realizzazione di una prima centrale elettrica a fusione fredda.

Per non incorrere nelle critiche di Krivit – che non troviamo assolutamente prive di fondamento -, ricordiamo però come ad oggi manchi la possibilità di accertare al 100% che le dichiarazioni di Rossi corrispondano al vero. Il rischio che tutto si risolva in fumo è comunque presente.

Fonti: New Energy Times
ColdFire
ColdFusion

Seguici anche sui canali social