DPCM zona rossa: menu settimanale, cosa mangiare

DPCM zona rossa: menu settimanale, cosa mangiare

Fonte immagine: Unsplash

Il paniere della spesa accorre in auto per realizzare un menu settimanale sano e in grado di rispettare le indicazioni imposte dal DPCM alle zone rosse

Mentre alcune delle Regioni della zona rossa passano a una nuova fase ovvero quella arancione, come Lombardia, Piemonte e Calabria, per altre restano inviate le indicazioni del precedente DPCM. Rimangono in zona rossa la Valle d’Aosta seguita da Toscana, Abruzzo, Campania e la Provincia autonoma di Bolzano. Una situazione che potrebbe cambiare ulteriormente in attesa del prossimo DPCM del 4 dicembre e in particolare se questo piccolo allentamento non venisse rispettato nel modo giusto.

Rimangono invariate le indicazioni inziali per chi vive all’interno delle zone rosse, anche per quanto riguarda gli spostamenti e la spesa. In molti hanno risolto acquistando online grazie a un aumento dei servizi di consegna a domicilio e di delivery, in tanti hanno rivolto l’attenzione anche ai piccoli produttori locali.

Circoscrivendo gli acquisti alla Regione di appartenenza e ai negozi di zona, privilegiando prodotti legati alla stagionalità. Per fortuna l’autunno è prodigo di offerte succose e nutrienti, per questo sarà facile stilare un menu sano, sostenibile e corroborante.

DPCM zona rossa: menu settimanale, cosa mangiare

Zona Rossa, le proposte alimentari del momento

(Torna al menu)

Crema autunno
Fonte: Unsplash

Realizzare un menu settimanale gustoso e salutare è facile anche per chi vive in zona rossa ed è limitato negli spostamenti. Per fortuna la stagione autunnale offre tante proposte gustose da acquistare presso i produttori di zona, grazie ad alimenti di primissima qualità.

Un esempio è la carne prodotta dagli allevatori locali, un acquisto consapevole in grado di rendere il pasto più salutare e a chilometro zero o quasi. Un discorso che si può estendere alla verdura, alla frutta e alle uova, chiedendo supporto alle aziende agricole di zona o ai negozi di città.

Per un menu sano si può fare affidamento sulla presenza di molti ortaggi colorati e gustosi quali la zucca, i cavoli, le bietole da costa, i broccoletti, le barbabietole, il tarassaco, i finocchi, i funghi, i porri, il radicchio e i carciofi. Oltre alla frutta succosa e nutriente come l’uva e le mele in tandem con pere, cachi, mandarini, arance, melograni e le ultime castagne. Ma anche carne e pesce da acquistare dal rivenditore di fiducia promuovendo una sostenibilità regionale, se possibile o nazionale cercando così di ridurre l’impatto legato al trasporto e alle emissioni di CO2.

(Torna al menu)

Pesce
Fonte: Unsplash

Per un menu vincente si possono mescolare adeguatamente carboidrati, proteine e verdure, dando spazio ai primi durante il pranzo e offrendo a proteine e verdure l’orario della cena. Per i primi piatti si può alternare la pasta di grano con quella integrale o con il riso realizzando gustose combinazioni condendola ad esempio con un pesto di broccoli, pinoli e aglio.

Oppure un classico spaghetto con le vongole, un risotto con funghi o con la zucca, gnocchi da da realizzare a mano mescolandoli con le barbabietole o ancora via libera ai passati e alle zuppe, magari con l’aggiunta di zenzero, curcuma, curry e cumino. Per i piatti proteici spazio alla carne o al pesce meglio se leggeri e privi di grassi in compagnia delle verdure di stagione da preparare al forno, da far saltare in padella con spezie ed erbe aromatiche o da cuocere a vapore.

Ottima l’idea di disporre su una teglia da forno ricoperta con l’apposita carta un mix di verdure lavate e tagliate a listarelle o a fette, ad esempio zucca, funghi, porri, cavolo nero, cavolfiore. Da condire con limone, olio, timo, origano, rosmarino, pepe e sale. Anche il pesce o la carne potranno trovare posto nella teglia del forno meglio se conditi con olio, limone e spezie aromatiche.

La frutta può trovare spazio sia nell’insalata stessa, ad esempio tarassaco, arancio e semi di zucca, oppure trasformata in dolci saporiti o semplicemente consumata come snack spezza fame e dall’alto valore nutritivo. Per gli amanti delle ricette “home made” non può certo mancare il pane fatto in casa.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle