Dormire poco aumenta la sensibilità al dolore

Dormire poco aumenta la sensibilità al dolore

Dormire troppo poco rende più sensibili al dolore fisico, a sostenerlo uno studio condotto negli USA dalla University of California a Berkeley.

Chi dorme troppo poco rischia di essere più sensibile al dolore fisico. Il riposo insufficiente provocherebbe un’alterazione nel processo di gestione dello stimolo doloroso, che quindi verrebbe interpretato come maggiore rispetto a quanto accadrebbe dopo aver dormito per un tempo adeguato. A sostenerlo uno studio condotto dalla University of California a Berkeley, Stati Uniti, e pubblicato sulla rivista scientifica Journal of Neuroscience.

Per analizzare la risposta del corpo al dolore, in funzione di quanto il soggetto abbia riposato, i ricercatori hanno coinvolto nello studio 25 volontari. Sono stati inizialmente valutati alcuni parametri, a cominciare dalla soglia di resistenza: è stato applicato un cuscinetto riscaldato in maniera progressiva, a quel punto gli studiosi hanno chiesto ai partecipanti di segnalare il momento in cui lo stimolo fosse divenuto insopportabile.

Stando ai dati raccolti appena una sola notte di privazione del riposo aumenterebbe la sensibilità al dolore dei soggetti, più del 15% l’aumento secondo i ricercatori (se confrontato con i valori ottenuti dopo una notte di buon riposo). Attraverso una risonanza magnetica è stato notato inoltre un incremento dell’attività nella regione della corteccia somatosensoriale primaria e una riduzione in quella dello striato e dell’insula.

Gli stessi ricercatori hanno condotto anche un secondo esperimento, reclutando questa volta online i partecipanti. Da questi successivi test è emerso che anche la più piccola variazione in quelli che sono i modelli di sonno dei soggetti è in grado di alterare la risposta del corpo al dolore, in positivo o in negativo a seconda del maggiore o minore riposo.

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

5 usi insoliti del limone