• GreenStyle
  • Salute
  • Dormire male aumenta il rischio Alzheimer, anche riposando 8 ore

Dormire male aumenta il rischio Alzheimer, anche riposando 8 ore

Dormire male aumenta il rischio Alzheimer, anche riposando 8 ore

Fonte immagine: Pixabay

La qualità del sonno è importante anche più della durata secondo un nuovo studio, ecco perché.

Dormire 8 ore a notte potrebbe non essere sufficiente per prevenire l’Alzheimer. Secondo uno studio dello University of Rochester Medical Center (URMC) un riposo duraturo, ma dalla qualità insufficiente si rivela inefficace per proteggere il cervello da possibili danni. La pubblicazione dello studio è avvenuta sulla rivista scientifica “Science Advances“.

Lo studio ha preso il via a partire da un precedente lavoro della prof.ssa Maiken Nedergaard, alla guida dell’attuale ricerca e ricercatrice presso lo University of Rochester Medical Center, che ha portato alla luce il sistema di pulizia (definito sistema glinfatico) messo in atto dal cervello per rimuovere le tossine accumulate durante il giorno. In questo nuovo lavoro la studiosa ha focalizzato l’attenzione sulle due fasi del sonno: la REM e la non-REM, valutando in modo particolare gli effetti del secondo ciclo non-REM (sonno più profondo).

In base ai dati pubblicati dalla prof.ssa Nedergaard e dal suo team la fase non-REM si rivelerebbe “ottimale per stimolare le funzionalità del sistema glinfatico”. Durante lo studio i ricercatori coinvolti hanno valutato la risposta di alcuni topi a sei differenti combinazioni di farmaci, per indurre diversi livelli di sonno nei roditori.

Nel mix in grado di simulare in maniera più efficace il sonno non-REM (ketamina e xilazina) si è assistito alla manifestazione della stessa attività elettrica a livello cerebrale e cardiaco, ma anche a un’azione di stimolo delle funzionalità del sistema glinfatico e di conseguenza della pulizia del cervello dalle scorie. Come ha sottolineato la prof.ssa Nedergaard:

Il sonno è un fattore critico per la funzionalità del sistema di rimozione dei rifiuti del cervello e questo studio mostra che più profondo è il sonno e migliore si rivela. I risultati ottenuti aggiungono al crescente corpo di studio che evidenzia come la qualità del sonno o la privazione del riposo possono predire il manifestarsi di Alzheimer e demenza.

Fonte: Daily Mail

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

5 usi del bicarbonato