La donna che mangia 51 banane al giorno

La donna che mangia 51 banane al giorno

Mangiare 51 banane al giorno e dimagrire: la storia della Banana Girl e della sua incredibile dieta della banana.

La banana è un alimento nutriente e salutare, utile per quegli stati di debolezza grazie all’alta concentrazione di potassio. Ma quando si decide di mangiarne ben 51 al giorno, forse nemmeno il tanto amato frutto è così salutare. E invece una donna australiana, autoproclamatasi “guru della dieta”, sfoggia un fisico invidiabile proprio grazie a questa alimentazione.

La notizia è di quelle incredibili e, proprio per questo, la giovane è diventata una delle webstar più cliccate su YouTube e condivise sui social network. Conosciuta come “Freelee The Banana Girl”, è nota per la sua dieta vegana estrema, priva di grassi e quasi esclusivamente crudista. Ma dove nasce questo regime alimentare insolito?

Così come sarà capitato a gran parte delle ragazze, Freelee si è ritrovata con qualche chilo di troppo da smaltire, nulla comunque di drammatico. Per farlo, ha deciso di fare di testa sua: consuma dalle 2.000 alle 5.000 calorie al giorno, suddivise in mono-diete giornaliere che escludono verdura cotta prima delle 4 di pomeriggio. Una giornata media comprende due ananas interi, cinque mango, due litri di succo d’arancia e 1,4 chili di albicocche. In alternativa, dalle 20 alle 51 banane.

La giovane, la quale può contare su ben 166.000 seguaci sui canali social, è stata spesso criticata per questa dieta estrema, tanto che molti utenti sostengono sia troppo magra, seppur tonica. Eppure le critiche non l’hanno di certo convinta a rinunciare il suo stile di vita: si dice soddisfatta dal suo corpo, privata dall’acne, dalla sindrome da affaticamento cronico, all’ipotiroidismo e dai problemi di digestione.

La giovane, tanto famosa da creare un ebook con la sua esperienza e fornire consigli nutrizionali, sembra inoltre molto certa del suo percorso. Felice del fatto di non dover limitare le sue calorie giornaliere per avere un ventre piatto, non vi è nulla che possa farle cambiare idea. La British Dietetic Association, interrogata dal Daily Mail, non è tuttavia dello stesso avviso. Non solo il consumo esagerato di banane, con i 422 milligrammi di potassio a frutto, può sovraccaricare di lavoro i reni e il cuore, ma il regime alimentare non sarebbe equilibrato:

Una dieta vegana ben bilanciata può essere estremamente salutare se gestita correttamente, tutti i vegani dovrebbero però prestare particolare attenzione all’assunzione di calcio e ferro, in aggiunta ai supplementi di vitamina B12. Frutta e verdura crude mantengono più vitamine e minerali rispetto ai vegetali cotti e la “Banana Girl” promuove piatti cucinati a casa e cibi meno trattati, un consiglio tradizionale di alimentazione sana. Tuttavia, i punti negativi di questa dieta sono abbastanza preoccupanti. Questo regime non contiene alcuna fonte di vitamina B12, calcio limitato e poco ferro. La scarsa assunzione di vitamina B12 e ferro in un lungo periodo di tempo può portare a un’anemia caratterizzata da stanchezza, disturbi di stomaco, pelle pallida e tendenza ai lividi. La scarsa assunzione di calcio porta alla riduzione della normale densità delle ossa.

E non è finita qui: la scelta di Freelee è oltretutto troppo ricca di zuccheri, che a lungo andare potrebbero danneggiare i denti o causare, nelle peggiore delle ipotesi, diabete. Insomma, sì alle diete vegetariana e vegana, ma senza estremismi.

Seguici anche sui canali social