Disastro ambientale nell’Artico: diesel finisce nei fiumi, è emergenza

Disastro ambientale nell’Artico: diesel finisce nei fiumi, è emergenza

Disastro ambientale nell'Artico, dove oltre 20mila tonnellate di diesel e lubrificanti sono fuoriusciti dalle cisterne della centrale di Norilsk.

Un nuovo disastro ambientale sta minacciando l’Artico. Stando alle notizie che arrivano dalla Russia alcune cisterne di una centrale elettrica avrebbero rilasciato ingenti quantità di oli lubrificanti e diesel. L’incidente risulta avvenuto il 29 maggio, ma sarebbe stato portato alla luce soltanto nei giorni seguenti. Il motivo è il tentativo di occultamento da parte dell’azienda che possiede l’impianto.

Secondo i proprietari dell’impianto un ruolo lo avrebbero giocato i cambiamenti climatici. L’ammorbidimento della struttura del permafrost causato dal riscaldamento globale avrebbe portato al cedimento dei pilastri che sostenevano la cisterna. In merito al tentativo di nascondere il disastro ambientale è intervenuto il presidente russo Vladimir Putin, che ha attaccato duramente i vertici della Norilsk Nickel:

Perché le agenzie governative lo hanno scoperto solo due giorni dopo? Dobbiamo venire informati delle emergenze dai social media?

Stando alle dichiarazioni dello stesso Putin e dei vertici della Norilsk Nickel (la cui sussidiaria NTEK gestisce l’impianto) sarebbero state sversate oltre 20mila tonnellate di carburante e lubrificanti. Almeno 15mila quelle finite nel fiume Ambarnaja, mentre circa 6mila risultano assorbite dal terreno.

Lo stesso colosso dell’estrazione di nichel e palladio si starebbe occupando di provare a contenere i danni. I timori maggiori sono per la salute delle rete di fiumi siberiani collegati all’Ambarnaja. Secondo alcune stime potrebbero servire decenni per rimuovere le tracce del disastro.

In diretta televisiva i vari soggetti coinvolti nella vicenda hanno lanciato reciproce accuse in merito alle responsabilità del disastro. Un incidente che secondo Aleksei Knizhnikov (WWF) è secondo soltanto allo sversamento di petrolio che nel 1994 coinvolse la regione di Kobi.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Beach Litter 2019: intervista a Letizia Lanzarotti – Lady Be