Dieta vegana forzata per i figli: bimba in ospedale per rachitismo

Dieta vegana forzata per i figli: bimba in ospedale per rachitismo

Una dieta vegana scorretta ha causato in Australia il ricovero di una bimba di un anno: sotto processo i due genitori.

Far seguire ai bambini una dieta vegana è possibile, purché si rispettino alcuni accorgimenti e soprattutto il parere del pediatra. Non è però quanto accaduto in Australia, dove una coppia di genitori ha imposto ai propri figli un’alimentazione priva di qualsiasi derivato animale senza tuttavia rispettare le esigenze nutrizionali legate alla loro giovanissima età.

Una dieta vegana non corretta ha portato al ricovero di una bambina di un anno, che ai medici dell’ospedale australiano si è presentata con rachitismo e un peso corporeo di appena 4 chili. Molto rigida e per nulla attenta alle esigenze alimentari della piccola l’alimentazione a cui quest’ultima è stata sottoposta, composta perlopiù da riso, tufo, banane, creme di vario tipo e fiocchi d’avena. Tale regime alimentare è stato imposto alla bimba sin dalla nascita, tanto che l’aumento di peso registrato nel suo prima anno è stato di due chili scarsi.

I due genitori hanno inoltre ignorato ogni profilassi vaccinale, liquidando lo scarso peso corporeo della bambina come derivato dal fatto che in quanto femmina fosse destinata a essere più magro rispetto ai suoi fratelli maschi. All’età di un anno viene riferito che la bimba non era in grado né di parlare e nemmeno di gattonare.

Condizioni che non hanno preoccupato i coniugi, che hanno portato la figlia in ospedale soltanto dopo l’aggravamento delle sue condizioni e il conseguente malore. I tre figli della coppia sono stati affidati ad altre famiglie, mentre i due genitori (34 e 32 anni) sono stati denunciati e dovranno difendersi in tribunale.

Seguici anche sui canali social