Dieta vegana: cosa mangiare nei ristoranti italiani

Dieta vegana: cosa mangiare nei ristoranti italiani

Cosa mangiare fuori casa in un ristorante o una trattoria e a cosa si deve fare attenzione nel caso ci si sia approcciati da poco alla filosofia vegan.

Negli ultimi anni, i ristoranti vegan sono sempre di più e ovviano al problema delle uscite serali e della grande domanda che ci si ritrova a porsi di fronte a un menu: si riuscirà a onorare una scelta cruelty free? Fortunatamente, in Italia, è tradizionalmente parte dell’enogastronomia la dieta mediterranea, che prevede moltissimi piatti basati su farinacei, legumi, verdure e olio d’oliva, per cui, trattoria alla buona o ristorante chic che sia, la scelta sarà sempre ampia.

Sono infatti tante le ricette vegan che appartengono alla dieta mediterranea e quindi qui non si vuole schematizzare tutto quello che si può prendere, ma i piatti per i quali bisogna prestare attenzione, quando li si ordina. Si suppone che a cena o a pranzo fuori non ci sia esatta percezione di quello che viene cucinato, a differenza di quello che avviene quando si prepara un pasto in casa. Bisogna fare attenzione anche al vino che si sceglie: soprattutto alcuni rossi non sono cruelty free. Ecco quindi qualche consiglio utile su come comportarsi con la dieta vegana e cosa mangiare al ristorante.

Pastasciutta

Pizza

La pizza è uno dei piatti più importanti della cucina italiana ed è in assoluto la ricetta che si presta a venire incontro, senza alcun problema, a un’utenza vegan. Intanto, perché esistono numerosissime ricette vegan in termini di pizza, ma non solo: via un ingrediente, dentro un altro, quando si ordina si possono chiedere delle varianti non troppo complicate e nessuno mai batterà ciglio.

Pastasciutta

La pastasciutta è apparentemente un piatto vegan. Lo è sicuramente quando lo si prepara in casa, ma non quando si è fuori al ristorante: in molti locali si usa cuocere il condimento, il sugo, con della carne, pollo o vitello solitamente. Questa notizia potrebbe essere occultata dal cameriere in questione, per cui bisognerebbe chiedere in maniera generica con cosa è fatto il sugo, domandando a trabocchetto infine se ci sia pollo oppure vitello. È meglio non dire subito se si è vegan se si vuole evitare brutte sorprese.

Soufflé di patate

Soufflé, gateau, panzerotti di patate possono essere potenzialmente ripieni di prosciutto e formaggio o ingredienti simili. Solitamente questi ingredienti sono indicati nel menu, e al massimo si vedono a occhio nudo, per cui non si deve esitare a rimandare il piatto indietro, sempre che prima ci si sia informati a dovere dal cameriere.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Beach Litter 2019: intervista a Stefano Ciafani – Legambiente