Dieta Sirt: cosa mangiare

Dieta Sirt: cosa mangiare

Fonte immagine: Istock

Grazie a questo piano alimentare la cantante Adele ha perso oltre 30 kg, la dieta Sirt è la moda del momento: ecco di cosa si tratta.

Dieta vegana, dieta della fase 2, le possibilità sono davvero tantissime, ma c’è una dieta che più delle altre sta facendo discutere; si tratta della dieta sirt: acclamata da alcuni, denigrata da molti è conosciuta per essere stata la scelta del cambiamento per la cantante Adele. La giovane vip con il programma Sirtfood Diet è riuscita a perdere oltre 30 kg. Astinenza dal cibo, allenamenti intensivi? Assolutamente no!  Al contrario della maggior parte delle diete, la dieta sirt non dice quali cibi evitare ma, piuttosto, quali inserire nel proprio piano alimentare quotidiano; il tutto documentato in un libro disponibile online e che ha certamente del curioso!

Dieta Sirt: come funziona la dieta che ha trasformato Adele?

Dieta Sirt: come funziona la dieta che ha trasformato Adele?
Fonte: Instagram

La Sirtfood Diet è una dieta che attiva naturalmente il metabolismo, senza faticose sedute in palestra e digiuni massacranti. Il grosso vantaggio è che nel libro Sirt, la dieta del gene magro vengono presentati cibi facilmente reperibili, economici e sani. Non indica l’acquisto di nessun integratore, nessuna pillola, nessun beverone sintetico di dubbia qualità. Un processo semplice che porta al dimagrimenti (quasi assicurato). È più facile ed efficace di altri programmi alimentari e include: vino rosso, cioccolato fondente, olio extravergine, carne e pesce che altre diete tendono a escludere. Il libro Sirt, la dieta del gene magro è pensato da esperti in medicina nutrizionale per combinare efficacemente questi cibi per perdere peso in modo sano e naturale.

Il regimo alimentare si basa sostanzialmente sulla ricerca delle cosiddette sirtuine, una classe di proteine fondamentali per mantenere la salute cellulare. Presenti nel corpo umano, si sono dimostrate in grado di ottimizzare diverse funzioni, da quella metabolica fino a tutto quello che serve per proteggere il nostro organismo dai processi infiammatori. Alcuni composti vegetali sarebbero in grado di incrementarle. Tra gli alimenti che li contengono ci sono appunto vino rosso, il cioccolato, il cavolo, ma anche le fragole, le cipolle, la soia e il prezzemolo.

Il libro della Dieta Sirt

I nutrizionisti che l’hanno pensata, Aidan Goggins e Glenn Matten, hanno lavorato in cliniche prestigiose sia in Irlanda, sia in Gran Bretagna, recentemente hanno collaborato con il team medico di un club sportivo londinese molto quotato. Tra le loro innumerevoli attività, hanno curato e seguito il programma alimentare di noti sportivi inglesi, come il campione olimpico di vela Ben Ainslie, il pugile Anthony Ogogo, nonché di celebrity quali la modella Jodie Kidd e la chef Lorraine Pascale. Tutti hanno raggiunto ottimi risultati.

Per capire come sfruttare la dieta sirt è necessario acquistare il libro, che contiene un programma personalizzabile di ricette sia per la fase 1 (dimagrimento) sia per la fase 2 (mantenimento), una comoda sezione “domande e risposte”, riquadri con testimonianze e tabelle con cibi. Il libro è uno strumento che accompagna il lettore in ogni fase che porta verso il dimagrimento. Per ottenere gli effetti sperati sarebbe interessante anche affiancarvi un po’ di sana attività fisica. L’esercizio serve ad aiutare il metabolismo a riattivarsi e a tenere il corpo tonico e in salute. C’è un solo modo per sapere se è quella adatta a voi: provarla!

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Cibi ricchi di magnesio: ecco quali sono (video)