Dieta ricca di grassi aumenta il rischio di tumore al seno

Dieta ricca di grassi aumenta il rischio di tumore al seno

Grassi saturi un fattore di rischio per il tumore al seno, nelle donne può provocare un aumento delle probabilità di ammalarsi quasi del 30%.

Condurre una dieta ricca di grassi è un fattore di rischio per il tumore al seno. A lanciare l’avvertimento è l’Istituto Nazionale dei Tumori a Milano, che sottolinea come tale scelta dietetica possa incidere sul manifestarsi della malattia aumentandone la possibilità quasi del 30%.

Responsabili dell’aggravarsi del rischio sarebbe i grassi saturi, come riportato nello studio condotto dalla Dr. Sabina Sieri, sezione di Epidemiologia e Prevenzione del Dipartimento di Medicina Predittiva e Preventiva. Coinvolte nella ricerca più di 10.000 donne malate di tumore al seno, seguite per circa 11 anni, insieme con oltre 300.000 volontarie aderenti al progetto EPIC (European Prospective Investigation into Cancer and Nutrition).

In accordo a quanto riportato sul Journal of National Cancer Institute, l’aumento delle percentuali di rischio derivato dall’assunzione di troppi grassi saturi sarebbe del 18%, con punte del 29% in caso di forme tumorali alla mammella nelle donne con recettori positivi ad estrogeni e progesterone con recettori negativi per quanto riguarda invece il fattore di crescita dell’epidermide.

Sotto accusa è però un particolare tipo di grassi, quelli derivati da carne e latticini, ora indicati come i maggiori responsabili dell’aumento di rischio al posto di quelli da fonti vegetali. Secondo quanto afferma il Dr. Marco Pierotti, direttore scientifico dell’Istituto Nazionale Tumori:

Questo lavoro dimostra l’importanza strategica degli studi epidemiologici, investendo sui quali si ottengono risultati rilevanti non solo per la definizione di corretti stili di vita, ma anche per la comprensione dei meccanismi di insorgenza dei tumori, come in questo caso per un sottotipo di tumore al seno.

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Sostenibilità in agricoltura: intervista a Carlo Alberto Pratesi