• GreenStyle
  • Pets
  • Dieta raw per cani e gatti: dannosa anche per i proprietari

Dieta raw per cani e gatti: dannosa anche per i proprietari

Dieta raw per cani e gatti: dannosa anche per i proprietari

Fonte immagine: FatCamera via iStock

La dieta raw può rappresentare un rischio non solo per cani e gatti, ma anche per i loro proprietari: è quanto rivela un nuovo studio.

La dieta raw per cani e gatti, una tendenza alimentare sempre più in voga grazie anche ai social network, potrebbe non essere solo dannosa per gli amici quadrupedi ma anche per i loro proprietari. È quanto suggerisce un nuovo studio, condotto dall’Istituto per la Sicurezza Alimentare e l’Igiene dell’Università di Zurigo, in Svizzera.

Secondo quanto riferito da Science, lo studio rivela come la nutrizione per cani e gatti basata su alimenti crudi – come la carne – espone innanzitutto gli animali ad alte concentrazioni di batteri pericolosi. Alcuni di questi, addirittura, non solo possono infettare l’organismo degli animali, ma anche quello umano.

Per la ricerca, l’autrice Magdalena Nüesch-Inderbinen e i suoi colleghi hanno acquistato 51 differenti tagli di carne di produzione industriale – manzo, pollo, cavallo e agnello – da 8 diversi fornitori sparsi tra la Svizzera e la Germania. Gli esperti hanno quindi analizzato dei campioni da ogni carne, alla ricerca di patogeni pericolosi come la Salmonella, l’Escherichia coli e la Shigella. Dai risultati, è emerso come all’incirca tre quarti dei campioni – pari al 72.5% – presentavano dei livelli di contaminazione batterica superiori alle normative imposte dall’Unione Europea per la sicurezza dei prodotti alimentari per animali domestici. Nel 63% dei tagli, ancora, sono stati rinvenuti batteri resistenti agli antibiotici. Ancora, il 4% di tutte le carni risultava contaminato da Salmonella.

Per questa ragione, i ricercatori sono giunti alla conclusione che un’alimentazione raw per cani e gatti sia più pericolosa di quanto ritenuto in passato e, fatto non da poco, anche a rischio per gli stessi uomini. Sarebbe quindi consigliabile optare per altre diete che prevedono cottura, su parere del veterinario, e in ogni caso non entrare direttamente in contatto con le carni vendute per consumo animale. Questi cibi andrebbero maneggiati con l’aiuto di guanti, possibilmente usa e getta, per poi lavarsi a fondo le mani con prodotti igienizzanti.

Sulla questione è intervenuta anche Dana Brooks, presidente dello statunitense Pet Food Institute, per sottolineare i rischi a cui i proprietari espongono loro stessi – e i loro amici a quattro zampe – nel rincorrere mode alimentari:

Questi batteri rappresentano un rischio di sicurezza per l’intera famiglia, in particolare per le persone più vulnerabili, come i bambini o gli anziani.

La dieta raw si è diffusa fra gli amanti di cani e gatti in base alla convinzione sia più salutare, poiché in grado di riprodurre lo stesso tipo di alimentazione che gli animali potrebbero ottenere con le attività di caccia in natura.

Fonte: Science

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Questo cane ha trovato un modo efficace per protestare!