Dieta Plank: sostituzione stagionale degli alimenti

Dieta Plank: sostituzione stagionale degli alimenti

Fonte immagine: Foto di Divily da Pixabay

La Dieta Plank non ammette modifiche anche se è possibile sostituire gli ingredienti con prodotti stagionali di eguale valore e importanza.

La dieta Plank è un regime alimentare che non lascia molto spazio all’improvvisazione, ma basa il suo successo sulla metodicità legata all’assunzione di alimenti iperproteici. È un percorso alimentare molto rigido, ma di breve durata, solo due settimane, e promette perdite di peso consistenti: anche nove chilogrammi.

È un regime dietetico che non si può protrarre per lungo tempo, pena il rischio di incappare in problematiche fisiche. Le modifiche di natura metabolica imposte al corpo promettono però un mantenimento del peso per circa tre anni. Nonostante la dieta basi il suo successo sull’assunzione di un certo tipo di prodotti, senza nessuna variazione, a volte la ripetitività potrebbe incidere sul risultato e stancare.

Gli ingredienti presenti sono quasi sempre gli stessi che vengono alternati e ripetuti grazie a combinazioni leggermente differenti. Per un risultato ottimale non andrebbero apportare modifiche ma qualche piccola variazione è possibile, così da personalizzare questo regime dietetico così rigido inserendo prodotti alternativi, magari in base alla stagione.

Dieta Plank personalizzata con prodotti di stagione

Dieta Plank

La Dieta Plank, come già anticipato, è un regima alimentare che fonda il suo successo sull’assunzione di cibi iperproteici all’interno di un periodo limitato di sole due settimane. Le variazioni solitamente non sono consentite, la popolarità della dieta è data dalla costanza e della precisione con cui i cibi vengono assunti. In tanti hanno sperimentato però piccole modifiche giusto per rendere il tutto meno noioso, magari utilizzando prodotti legati alla stagione.

Preferendo ingredienti leggeri e poco calorici, in grado di non stravolgere il percorso imposto dalla dieta. Il menu contempla la presenza dei seguenti prodotti: spinaci, carote, pomodori, insalata, frutta, uova sode, prosciutto cotto, carne, pesce al vapore, formaggio svizzero e yogurt. La rotazione di questi pochi prodotti non ammette vie di fuga, se non per un solo pasto libero relegato alla domenica sera.

Per quanto riguarda la carne di pollo la si può sostituire con il tacchino ugualmente magro, mentre il formaggio svizzero troverà degni sostituti nei formaggi magri e leggeri tipo la ricotta. La verdura inserita all’interno della Dieta Plank è light e priva di grassi, ma la si può far ruotare in base alla stagionalità dei prodotti. Un esempio è l’insalata che si può sostituire con i cetrioli o magari con il sedano oppure eventualmente i finocchi, tutti detox, idratanti e leggeri.

Gli spinaci svolgono un ruolo importante all’interno del regime dietetico e non andrebbero sostituiti, ma per una variante ottimale si possono integrare le bietole da costa ricche di sali minerali quali potassio e ferro, oltre che di fibre. Anche la cicoria potrebbe trasformarsi in una valida alleata, in particolare per le sue proprietà depurative necessarie per il fegato al pari dei carciofi. Le carote invece si potranno sostituire con i pomodori, con la lattuga o con i crauti sbollentati. La frutta presenzia in parte minore ma dovrà risultare poco calorica e ricca d’acqua come ad esempio fragole, ribes, lamponi, papaya, pompelmo e anguria.

Condimenti e alternative

Dieta Plank

Il successo della Dieta Plank è dato anche dalla totale assenza di extra e di carboidrati, a parte il pane integrale della colazione sostituibile con delle fette biscottate integrali. Vietati lo zucchero e i condimenti consueti a parte spezie, aromi e succo di limone, uno strappo alla regola per il sale, ma da utilizzare con parsimonia.

Anche chi è vegetariano può usufruire di una Dieta Plank, ma rimaneggiata, sostituendo la carne con le proteine vegetali. Una volta stabilito il menu andrà seguito con attenzione e fedeltà assoluta, per questo potrebbe risultare molto utile chiedere supporto a un professionista. Un esperto di settore che potrà suggerire le combinazioni e le tempistiche più adatte così da dimagrire in modo costante e sano.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle