Dieta: perché gli ultimi kg sono i più difficili da smaltire?

Dieta: perché gli ultimi kg sono i più difficili da smaltire?

Fonte immagine: Istock

Dopo qualsiasi dieta raggiunti un certo numero di kg di perdita si arriva ad uno stallo: ecco cosa succede al nostro organismo e come combatterlo.

Chiunque abbia fatto una dieta lo sa, lo conosce e lo teme: il momento in cui, dopo una perdita di kg, più o meno rapida a seconda dei casi, si arriva ad uno stallo fisico e psicologico. Non si riesce ad andare avanti e i il peso non cala più. Questo fenomeno è riconosciuto dalla scienza e fortunatamente può essere combattuto. Tutto dipende dal fatto che inizialmente sono necessarie meno calorie di prima per mantenere e muovere un corpo più leggero e questo varrà anche una volta raggiunto il peso salutare. Il secondo motivo per cui la perdita di peso diventa progressivamente difficile è che è spesso accompagnata da un aumento dell’appetito. Questo favorisce gli sbagli con maggiore facilità. L’ormone leptina dice al nostro cervello quanto grasso è immagazzinato nel corpo. Quando abbiamo troppo grasso immagazzinato, la leptina aumenta e riduce l’appetito. Ma quando perdiamo grasso corporeo, la leptina ci rende più voraci. Fondamentale è, quindi, mantenere il controllo e individuare subito il fenomeno.

Non fatevi prendere dal panico: anche se mangiare meno può risultare impossibile, come trattenersi dal mangiare cibi ricchi di energia (e di grassi) bisogna tenere a mente che le oscillazioni fanno parte del percorso. Non smettete di mangiare: è sufficiente mangiare di più ma con cibi a bassa densità energetica (fibre, frutta e verdura). Attività fisica al primo posto e prima di colazione naturalmente: per un corpo più magro, ma anche più sano.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Pizza fatta in casa con pasta madre