Dieta Mediterranea, lockdown ne favorisce il consumo

Dieta Mediterranea, lockdown ne favorisce il consumo

La Dieta Mediterranea festeggia 10 anni dalla nomina a Patrimonio Immateriale Unesco: crescono i consumi durante il lockdown.

Sono passati 10 anni esatti da quando la Dieta Mediterranea è stata inserita tra i Patrimoni Immetariali dell’Unesco. Era il 16 novembre 2010 e da allora molte cose sono cambiate per quanto riguarda la vicinanza degli italiani alla loro alimentazione “tradizionale”. Recentemente uno studio ha indicato come crescente l’obesità infantile, proprio a causa dell’allontanamento da questa soluzione alimentare.

Le cose sembrerebbero aver subito una temporanea inversione di rotta durante il primo lockdown, afferma Coldiretti. Secondo l’associazione, che ha analizzato i dati forniti da Ismea, il ricorso alla Dieta Mediterranea sarebbe incrementato dell’11%. Come si legge in una nota:

Non è un caso che 6 italiani su 10 dopo il primo lockdown hanno dichiarato di privilegiare abitualmente un regime nutrizionale ispirato alla dieta mediterranea perché più salutare, con cibi freschi, molta frutta e verdura, legumi e proteine.

A guidare la classifica della spesa mediterranea è la pasta con un incremento degli acquisti del 12,5%, trainata anche dal boom fatto registrare da penne e spaghetti certificate fatte con grano 100%. Al secondo posto la verdura con una crescita del 12,2%, seguita dalla frutta con un +11,1% e dall’olio extravergine d’oliva dove i consumi aumentano del 9,5% nei primi sei mesi dell’anno.

Dieta Mediterranea, i motivi del successo durante il lockdown

La crescita del ricorso alla Dieta Mediterranea è legata anche al fatto che gli italiani hanno avuto a disposizione più tempo per “destreggiarsi” tra i fornelli e mangiare sano:

Un trend che rivela come il maggior tempo trascorso in cucina per effetto delle misure restrittive, dai lockdown allo smart working, sia stato anche orientato alla preparazione di piatti con ingredienti salutistici accompagnato dal ritorno di antichi riti, come quello delle conserve fai da te, dove ad essere protagonisti sono spesso i prodotti simbolo della Dieta Mediterranea come verdura, frutta e olio.

Ma anche la pasta casalinga, altro “must” tutto italiano, è tornata di moda, come dimostrano anche gli incrementi a doppia cifra fatti registrare nel 2020 dagli acquisti di uova e farina, cresciuti rispettivamente del 22,1% e del 59%.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle