• GreenStyle
  • Salute
  • Dieta Mediterranea allunga la vita, studio conferma e spiega perché

Dieta Mediterranea allunga la vita, studio conferma e spiega perché

Dieta Mediterranea allunga la vita, studio conferma e spiega perché

Dieta Mediterranea come segreto per allungare la vita, a confermarlo un gruppo di ricerca statunitense della Harvard University.

Dieta Mediterranea segreto per vivere più a lungo. Già patrimonio immateriale dell’UNESCO, tale alimentazione rappresenterebbe la chiave per migliorare la propria aspettativa di vita. A sostenerlo uno studio condotto dai ricercatori del Brigham and Women’s Hospital, affiliato alla Harvard Medical School, e della Harvard School of Public Health.

I benefici offerti dalla Dieta Mediterranea sarebbero frutto, spiegano i ricercatori statunitensi, degli effetti prodotti a carico dei telomeri. Questi ultimi rappresentano la parte terminale del DNA posta a protezione dei cromosomi e vengono utilizzati dagli esperti come veri e propri indicatori dell’invecchiamento: si accorciano ad ogni divisione cellulare e quando troppo corti rappresentano un segno di ridotta aspettativa di vita e di propensione allo sviluppo di patologie connesse con l’avanzare dell’età.

Seguire la Dieta Mediterranea porterebbe invece a una maggiore lunghezza di questi elementi, aumentando di conseguenza l’aspettativa di vita. I ricercatori hanno analizzato, durante uno studio durato 20 anni, l’aderenza a tale alimentazione di 4,676 donne sane. L’analisi è avvenuta in base a nove diversi parametri.

Più le donne rispettavano i dettami della Dieta Mediterranea e maggiori risultavano essere le loro aspettative di vita. Ogni punto in comune tra la propria alimentazione e il celebre regime alimentare rappresentava in media la possibilità di vivere 1,5 anni in più. Come ha spiegato l’autrice principale dello studio, la Dr.ssa Marta Crous-Bou, ricercatrice postdottorato presso la Harvard Medical School:

Sulla base dei nostri dati abbiamo riscontrato che un’aderenza alla Dieta Mediterranea di tre punti rappresentava un periodo di invecchiamento di circa 4,5 anni, una differenza comparabile a quella tra fumatori e non fumatori.

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Sostenibilità in agricoltura: intervista a Carlo Alberto Pratesi