Dieta contro i diverticoli: cosa non mangiare

Dieta contro i diverticoli: cosa non mangiare

Fonte immagine: Istock

I diverticoli sono delle estroflessioni che si trovano nella parete dell’apparato digerente: avere una dieta equilibrata può aiutare a stare meglio.

I diverticoli possono avere dimensioni varie da molto piccole a medie, come quelle di una nocciola, interessando tutto il colon dando luogo a fortissimi dolori. Una dieta mirata può essere d’aiuto. Molto spesso la scoperta dei diverticoli è casuale, avviene cioè attraverso un esame diagnostico eseguito per altre motivazioni. Gli specialisti li chiamano anche “appendicite sinistra”: può essere asintomatica o manifestarsi con spasmi e dolori addominali, anticipati o seguiti da gonfiore. Stare attenti a tavola può fare davvero la differenza.

Diverticoli: quali cibi evitare

Per prevenire o controllare la diverticolite occorre evitare alimenti raffinati (carni, grassi, cibi conservati) e, in fase acuta, ricchi di fibre (come frutta, verdura e legumi, cereali integrali). Potrebbe aiutare anche consumare in ridotte quantità la frutta e verdura con semini (fragole, kiwi, frutti di bosco, fichi d’india, pomodori e così via) ma anche verdure con fibre molto dure e filamentose (finocchi, carciofi, fagiolini).

Con moderazione vanno assunte le spezie piccanti (come pepe e peperoncino), curry e cacao; i legumi consumati prevalentemente passati o centrifugati per eliminare le bucce, gli insaccati (salame, salsicce, mortadella). Tra le bevande proibite quelle eccessivamente zuccherate o gassose. Consigliata, però, in generale una buona idratazione e una sana dose di attività fisica. In caso di sintomi acuti rivolgersi ad uno specialista.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Cibi ricchi di magnesio: ecco quali sono (video)