• GreenStyle
  • Salute
  • Dieta 5:2, digiuno intermittente può aiutare chi soffre di diabete

Dieta 5:2, digiuno intermittente può aiutare chi soffre di diabete

Dieta 5:2, digiuno intermittente può aiutare chi soffre di diabete

La dieta 5:2, con il digiuno intermittente, potrebbe aiutare chi soffre di diabete a tenere sotto controllo il livello di zucchero nel sangue.

La dieta 5:2 si basa sul digiuno intermittente ed è un tipo di alimentazione scelto da molti per i vantaggi che può dare in termini di salute. Adesso un nuovo studio ha aperto un’altra prospettiva, affermando che il digiuno per 2 giorni alla settimana potrebbe essere d’aiuto per le persone che soffrono di diabete.

La dieta 5:2 potrebbe essere fondamentale per perdere peso e tenere sotto controllo i livelli di zucchero nel sangue. Gli scienziati dell’Università del Sud Australia suggeriscono che chi soffre di diabete potrebbe beneficiare di una dieta 5:2, nell’ambito della quale mangiano per 5 giorni alla settimana e si limitano all’apporto di un massimo di 600 calorie complessive per gli altri 2 giorni.

Spesso il diabete di tipo 2 è legato al sovrappeso. Proprio per questo cambiare dieta e seguire un’alimentazione bilanciata è molto importante per affrontare la malattia, spesso aggravata dal consumo di molte calorie e di cibi grassi o troppo abbondanti di zuccheri.

Secondo i ricercatori il digiuno per 2 giorni, anche se non di fila, potrebbe risultare un metodo efficace per portare avanti un’alimentazione più sana, che abbia un impatto positivo anche sul diabete.

I pazienti che soffrono di diabete di tipo 2 sono spesso incoraggiati dai medici a seguire una dieta sana, per evitare che i livelli di zucchero nel sangue diventino molto alti. Inoltre sono invitati a controllare ciò che mangiano, per perdere peso. Non bisogna dimenticare che un accumulo di grasso nel fegato può rendere meno efficace il controllo dei livelli di zucchero, perché rende l’organismo più resistente all’insulina.

Seguire una dieta per 7 giorni su 7 può essere difficile, ecco perché il digiuno limitato a 2 giorni durante la settimana potrebbe fare la differenza. Nello studio si sono controllati i livelli di glicemia in persone che seguivano la dieta 5:2 e che per 2 giorni alla settimana hanno consumato fino ad un massimo di 600 calorie. I risultati su 137 adulti sono stati molto incoraggianti. Il professor Peter Clifton, che ha partecipato allo studio, ha dichiarato:

Il diabete può essere considerato una vera epidemia di salute dei nostri tempi e una grande sfida per i sistemi sanitari. Le diete dimagranti convenzionali con restrizioni giornaliere sono difficili da rispettare, perciò dobbiamo cercare delle soluzioni alternative.

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Beach Litter 2019: intervista a Letizia Lanzarotti – Lady Be