• GreenStyle
  • Salute
  • Diabete: più a rischio chi vive in alcune città, ecco quali

Diabete: più a rischio chi vive in alcune città, ecco quali

Diabete: più a rischio chi vive in alcune città, ecco quali

Fonte immagine: Pixabay

Il diabete colpisce soprattutto la popolazione che vive nelle città metropolitane, soprattutto del Sud e Centro Italia, tra cui Napoli e Roma: ecco i dati.

La fotografia scattata dal terzo Health City Forum a Roma rivela che il diabete colpisce sempre più chi vive nelle città metropolitane, soprattutto del Sud Italia. Nello specifico, secondo le elaborazioni di Health City Institute su dati Istat, il 36% della popolazione colpita da diabete risiede nelle seguenti 14 città metropolitane: Roma, Milano, Napoli, Torino, Palermo, Bari, Catania, Firenze, Bologna, Venezia, Genova, Messina, Reggio Calabria e Cagliari.

A Napoli ci sono quasi 209 mila persone con questa patologia, ovvero il 6,7% degli abitanti; a Roma, il 6,6% dei residenti nella città e nell’area metropolitana (oltre 286 mila persone), mentre nel Nord Italia il luogo in cui è più presente è Torino, con oltre 120 mila individui coinvolti, circa il 5,2% totale della popolazione residente.

Secondo quanto reso noto dagli esperti in occasione dell’evento, promosso dall’Italian barometer diabetes observatory (Ibdo) Foundation, Università degli Studi di Roma Tor Vergata, Health City Institute, Osservatorio nazionale sulla salute nelle Regioni italiane e I-Com:

Il diabete si sta rivelando la malattia più rilevante e potenzialmente pericolosa del nostro secolo per la crescita continua della sua prevalenza e per la mortalità e le complicanze invalidanti. In Italia, secondo l’Istat, le persone con diabete sono 3,27 milioni e il 52% risiede nelle 14 città metropolitane; studiare il legame fra diabete e città e promuovere iniziative per salvaguardare la salute e prevenire la malattia diventa sempre più importante.

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Top Green Influencer: intervista ad Alfonso Pecoraro Scanio