Detrazione 50% fotovoltaico: come ottenerla

Detrazione 50% fotovoltaico: come ottenerla

Detrazione 50% fotovoltaico: la guida con tutti gli adempimenti da rispettare per ottenere la detrazione sull'acquisto dei pannelli fotovoltaici.

Con gli incentivi del Quinto Conto Energia ormai esauriti, diventa ancora più allettante la prospettiva di godere della detrazione del 50% sull’acquisto dei pannelli fotovoltaici, recentemente rinnovata dal Consiglio dei Ministri. Ma come fare per ottenere l’agevolazione? Ecco un promemoria della procedura da seguire:

  1. Nel caso in cui le norme sulle condizioni di sicurezza nei cantieri lo prevedano, prima di iniziare i lavori di installazione dell’impianto occorre inviare, con raccomandata A.R., una comunicazione preventiva all’Azienda Sanitaria Locale competente;
  2. Fondamentale, inoltre, che le spese per l’acquisto e l’installazione dei pannelli fotovoltaici siano pagate con bonifico bancario o postale, che devono contenere la causale del versamento, il Codice Fiscale dell’utente che effettua il pagamento e il Codice Fiscale (o numero di partita Iva) di chi lo riceve;
  3. Al momento della dichiarazione dei redditi, poi, bisogna indicare i dati catastali identificativi dell’immobile e, se i lavori sono effettuati dal detentore, gli estremi di registrazione dell’atto che ne costituisce titolo e gli altri dati richiesti per il controllo della detrazione. Non è più previsto, invece, l’invio obbligatorio della comunicazione di inizio lavori.

Una volta richiesta la detrazione, infine, occorre conservare una serie di documenti:

  • abilitazioni amministrative relative alla tipologia di lavori da realizzare (concessione, autorizzazione o comunicazione di inizio lavori) o, se non previste, una dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà in cui sia indicata la data di inizio dei lavori e sia indicato che gli interventi di ristrutturazione realizzati rientrano tra quelli incentivati;
  • domanda di accatastamento se l’immobile non è ancora censito;
  • ricevute di pagamento dell’Imu, se dovuta;
  • per gli interventi riguardanti parti comuni di edifici residenziali: delibera di approvazione dell’esecuzione dei lavori e tabella millesimale di ripartizione dei costi;
  • comunicazione preventiva trasmessa all’ASL (se obbligatoria);
  • fatture e ricevute fiscali relative alle spese sostenute;
  • ricevute dei bonifici di pagamento.

È importante in ogni caso ricordare che per la detrazione del 50% viene riconosciuta solo in caso di pannelli fotovoltaici installati per soddisfare bisogni energetici per uso domestico. Non è possibile godere del bonus se è previsto un utilizzo commerciale dell’energia prodotta, cioè se l’impianto abbia potenza superiore a 20 kw o se, “pur avendo potenza non superiore a 20 kw, non sia posto a servizio dell’abitazione”.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Nokia ricarica un Lumia 925 con i fulmini

Ti potrebbe interessare

Pannello solare portatile: modelli, prezzi, guida alla scelta
Fotovoltaico

Ridurre i costi dell’energia è più che mai utile, soprattutto se si scelgono soluzioni più sostenibili per l’ambiente come ad esempio il fotovoltaico. Una scelta valida non soltanto per quelle che sono le esigenze domestiche classiche, solitamente soddisfatte collegandosi alla rete elettrica nazionale o attraverso l’installazione di impianti solari o eolici, ma anche per le […]