Detersivi: in arrivo capsule senza plastica e biodegradabili

Detersivi: in arrivo capsule senza plastica e biodegradabili

Fonte immagine: Kisan / Shutterstock

La multinazionale Unilever ha deciso di investire 100 mila euro per trasformare tutti gli imballaggi di plastica in compostabili.

Unilever, multinazionale leader nella produzione di detersivi e prodotti per la pulizia, ha deciso di destinare 100 mila euro in ricerca e sviluppo per creare una nuova capsula per il bucato completamente biodegradabile e senza plastica. Una soluzione che vuole essere green e priva di plastica, un’idea nata dopo l’Hackathon “Rethink Plastic” organizzato dall’azienda e hanno sviluppato l’idea di una capsula per la lavanderia che sostituisce le bustine di plastica monouso.

Giovani ricercatori hanno provato a ideare un nuovo imballaggio che protegga il detersivo dall’umidità, ma che sia anche senza plastica trovando la soluzione in un rivestimento a base di fibre vegetali.

Kees Kruythoff, presidente di Unilever, ha dichiarato:

In qualità di attore importante nel settore dei beni di consumo, siamo consapevoli che la nostra risposta è fondamentale per stabilire il ritmo del cambiamento. Questo hackathon fa parte del nostro più ampio lavoro con i principali esperti e innovatori per ridisegnare il nostro packaging e lavorare con l’industria in generale per accelerare il cambiamento sistemico che è così urgentemente necessario.

L’azienda ha annunciato di voler essere più ecosostenibile promettendo di rendere tutti i suoi imballaggi in plastica completamente compostabili, riutilizzabili o riciclabili entro il 2025. Ogni anno miliardi vengono prodotte miliardi di bustine in plastica monouso difficili da riciclare, questa discesa in campo di Unilever sia da esempio per tutte le aziende del comparto.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Corepla e Magicamente Plastica: intervista a Eleonora Brionne