• GreenStyle
  • Salute
  • Demenza: rischi maggiori con inquinamento atmosferico più elevato

Demenza: rischi maggiori con inquinamento atmosferico più elevato

Demenza: rischi maggiori con inquinamento atmosferico più elevato

Esporsi a più alti livelli di inquinamento atmosferico può portare a un maggiore rischio di demenza.

Risiedere in zone dove l’inquinamento atmosferico è elevato aumenterebbe il rischio di sviluppare demenza. A sostenerlo uno studio condotto dai ricercatori del Karolinska Institutet, secondo i quali vi sarebbe quantomeno un punto in comune tra chi soffre della patologia e le alte concentrazioni di smog: i pazienti presenterebbero anche disturbi a carattere cardiovascolare.

Secondo i ricercatori gli anziani che risiedono nelle aree a maggiore inquinamento atmosferico dovrebbe essere assistiti in maniera più approfondita, in quanto le concentrazioni di smog influirebbero in maniera netta nello scatenarsi della patologia. Come ha sostenuto Giulia Grande, dottoranda presso il Department of Neurobiology, Care Sciences and Society del Karolinska Institutet:

I nostri risultati suggeriscono che l’inquinamento atmosferico recita a tutti gli effetti un ruolo nello sviluppo della demenza, e lo fa principalmente attraverso il passo intermedio dei disturbi cardiovascolari e specialmente dell’ictus.

Ha proseguito la Prof.ssa Grande:

Siamo stati in grado di identificare 364 casi di demenza e abbiamo osservato che coloro che hanno sviluppato demenza sono stati esposti a livelli di inquinamento atmosferico maggiori nei cinque anni precedenti la comparsa della demenza – il che è statisticamente significativo.

Nel nostro studio, virtualmente tutte le associazioni tra inquinamento atmosferico e demenza sembrano passare attraverso la presenza o lo sviluppo di disturbi cardiovascolari, aggiungendo ulteriori motivi per ridurre le emissioni e ottimizzare il trattamento dei disturbi cardiovascolari concorrenti e legati ai fattori di rischio, particolarmente per le persone che vivono nelle zone più inquinate delle nostre città.

Fonte: Daily Mail

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

CrossFit a casa: dodicesima lezione