• GreenStyle
  • Consumi
  • Deforestazione Amazzonia: H&M rinuncia all’uso di pelli dal Brasile

Deforestazione Amazzonia: H&M rinuncia all’uso di pelli dal Brasile

Deforestazione Amazzonia: H&M rinuncia all’uso di pelli dal Brasile

Stop all'utilizzo di pelli dal Brasile per tutelare l'Amazzonia, la decisione è stata annunciata da H&M.

H&M contrasterà la deforestazione in Amazzonia rinunciando all’utilizzo di pelli provenienti dal Brasile. Una sospensione a tempo indeterminato, ha reso noto la compagnia, che durerà finché non verrà dimostrato che i materiali importanti dallo Stato sudamericano non contribuiscano al fenomeno di distruzione della foresta amazzonica. Un annuncio operato nella stessa giornata in cui il presidente brasiliano Jair Bolsonaro ha riaffermato, attraverso il lancio di una campagna pubblicitaria destinata a far discutere, la sovranità brasiliana sulla regione.

La decisione presa da H&M avrà conseguenze limitate nell’immediato per quanto riguarda l’aspetto economico, questo malgrado la compagnia sia la seconda rivenditrice di moda al mondo dopo Inditex. Se però si prende in considerazione il possibile impatto a livello di reputazione e di politica, la scelta del gigante svedese potrebbe riservare qualche sorpresa in più. A cominciare dalla richiesta di controlli credibili lungo la filiera:

Fino a quando non ci saranno sistemi di controllo credibili che dimostreranno che la pelle non contribuisce al danno ambientale in Amazzonia.

Da notare inoltre che H&M è proprietaria anche di marchi come Other Thing e Cos, oltre a non essere la prima grande compagnia a impegnarsi nella rinuncia al pellame brasiliano. Nei giorni scorsi anche VFcorp ha preso la stessa decisione: una società che detiene marchi quali ad esempio Timberland, The North Face e Vans.

Occorrerà attendere qualche mese per un riscontro effettivo a livello di impatto per tali decisioni, tenendo come parametro di riferimento i dati 2018 che vedono le esportazioni brasiliane muovere 1.300 milioni di euro. Le principali nazioni importatrici sono risultate Stati Uniti, Cina e Italia (dati Centro per l’industria conciaria brasiliana).

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Seeds&Chips: intervista a Maria Cristina Finucci