Dai lama anticorpi utili contro il coronavirus

Dai lama anticorpi utili contro il coronavirus

Fonte immagine: Pixabay

Dai lama potrebbe giungere un aiuto fondamentale per la cura al nuovo coronavirus: producono anticorpi contro la proteina spike.

I lama potrebbero rappresentare i nostri migliori alleati per la cura del nuovo coronavirus. È quanto emerge da uno studio in peer-review, in via di pubblicazione sulla rivista scientifica Cell, pronto a dimostrare come questi animali producano degli anticorpi che potrebbero rivelarsi particolarmente indicati per la lotta al COVID-19.

La ricerca, condotta dall’Università del Texas, ha voluto indagare le capacità degli anticorpi dei lama contro il nuovo coronavirus. Da tempo è infatti noto come questi animali possano contare su risorse immunitarie particolarmente efficaci contro le infezioni batteriche e virali. I ricercatori sono così stati in grado di identificare alcuni anticorpi che, lavorando in sinergia con quelli umani, possono correttamente identificare la proteina spike tipica di ogni coronavirus, incluso il SARS-CoV-2.

L’attuale scoperta è stata possibile anche grazie a precedenti studi, in particolare uno avviato in Belgio nel 2016, tramite l’ausilio del lama Winter. Ai tempi, gli studiosi stavano cercando delle soluzioni preventive per la gestione di un eventuale ritorno della SARS e della MERS: all’animale sono state quindi regolarmente somministrate delle dosi di proteina spike ricavate da questi virus, in modo che non vi fossero conseguenze sulla sua salute, per vagliare un’eventuale risposta degli anticorpi. È quindi emerso come il sangue del lama avesse prodotto diverse tipologie di anticorpi, alcune proprio in grado di legarsi con la proteina in questione. Quattro anni dopo Winter si trova in ottime condizioni di salute e questa esperienza ha ispirato nuove analisi per il SARS-CoV-2.

Così ha commentato Daniel Wrapp, coautore del nuovo studio:

Questo risultato è molto entusiasmante, perché lavoro su questa materia da anni. Ai tempi non vi era un grande bisogno di trattamenti per il coronavirus, si trattava di una ricerca di base. Ora possiamo intravedere delle applicazioni più reali.

I lama producono degli anticorpi di dimensioni molto più piccole rispetto a quelle umane, quindi maggiormente adatta per adattarsi ai virus. Questa peculiarità potrebbe rendere più semplice lo sviluppo di un vaccino o di un trattamento poco invasivo: date le dimensioni, il farmaco potrebbe essere semplicemente inalato.

Fonte: CNET

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

CrossFit: esercizi da fare in casa (lezione 1)