• GreenStyle
  • Salute
  • Cubetti di ghiaccio nei cocktail: attenzione a muffe e batteri

Cubetti di ghiaccio nei cocktail: attenzione a muffe e batteri

Cubetti di ghiaccio nei cocktail: attenzione a muffe e batteri

Dai cubetti di ghiaccio un possibile rischio legato a muffe e batteri secondo un'indagine svolta dall'Istituto Nazionale Ghiaccio Alimentare.

Muffe e batteri nei cubetti di ghiaccio utilizzati per drink e cocktail. Questo uno dei possibili rischi quando si ordina al bar o al pub secondo una recente indagine condotta a Palermo, dove in tre esercizi commerciali su cinque si sono registrate concentrazioni consistenti di batteri enterococchi.

Rendere più piacevoli cocktail e bevande ordinati al bar potrebbe non essere privo di qualche piccolo rischio. Secondo i dati raccolti dall’Istituto Nazionale Ghiaccio Alimentare (INGA) in un campione su 5 sarebbero stati riscontrati livelli consistenti di pseudomonas, mentre all’interno di tutti i 15 campioni analizzati sembra siano stati registrati contaminanti tipici delle tubature e muffe. Il livello generale in Italia sembra tuttavia essere più rassicurante, prosegue l’INGA, che spiega:

Il ghiaccio alimentare italiano è quasi sempre sicuro, anche se si deve fare di meglio. Soprattutto da parte delle piccole realtà di autoproduzione.

A questo proposito, conclude l’Istituto Nazionale Ghiaccio Alimentare, il Ministero della Salute ha fornito un utile strumento per migliorare la sicurezza del ghiaccio ottenuto in ambito “privato” e non industriale:

Il “Manuale per la corretta prassi operativa per la produzione di ghiaccio alimentare” redatto con la supervisione del Ministero della Salute, ha da un anno fornito un elenco dettagliato di tutte le procedure in grado di garantire che la filiera del ghiaccio offra al consumatore un prodotto privo di contaminanti di qualunque natura: fisici, chimici, ma soprattutto biologici.

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Top Green Influencer: intervista ad Alfonso Pecoraro Scanio