• GreenStyle
  • Salute
  • Creme solari: le novità su ingredienti pericolosi e protezione

Creme solari: le novità su ingredienti pericolosi e protezione

Creme solari: le novità su ingredienti pericolosi e protezione

Fonte immagine: Pixabay

Stretta negli USA sulle creme solari, con nuove normative in arrivo per la tutela dei consumatori: ecco le principali novità previste dalla FDA.

Creme solari nel mirino della Food and Drug Administration. L’ente statunitense per la sicurezza di cibi e farmaci ha deciso di apportare alcune modifiche all’attuale approccio a questi prodotti, soprattutto per quanto riguarda il loro contenuto di ingredienti “a rischio” e il “fattore di protezione“. L’interesse crescente della FDA conferma quanto già previsto negli USA, dove questi composti sono considerati come veri e propri farmaci da banco.

Due sono le sostanze bandite dalle creme solari secondo le nuove indicazioni della FDA: il salicilato di trolamine e il PABA, sospettate di provocare danni alla salute dei consumatori; a queste si sommano una decina di altri ingredienti, per i quali la Food and Drug Administration ha chiesto maggiori informazioni alle aziende che li utilizzano. Potranno essere ancora utilizzati il biossido di titanio e l’ossido di zinco, ritenuti sicuri (GRAS, “Generally recognized as safe”) dall’ente statunitense. L’estensione della qualifica di “GRAS” si estenderà anche ad alcune formulazioni in spray, paste, gel, burro, unguenti e stick, così come olii e lozioni.

Maggiori controlli verranno applicati agli oli repellenti, soprattutto se importati: non potranno essere riconosciuti automaticamente “GRAS” tali prodotti, ma necessiteranno di specifica autorizzazione.

A cambiare dovrà essere anche il valore massimo di protezione contro i raggi UV, che passerà da +50 a +60. Previsto anche un nuovo sistema di etichettatura, che dovrà comparirà già a partire da questa estate e varrà anche per i prodotti d’importazione (che dovranno quindi essere approvati sulla base delle nuove normative). In caso di fattore protettivo espresso in range (es. fascia di protezione 20-40) dovrà essere indicato espressamente il valore minimo, corrispondente in questo caso a 20.

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Top Green Influencer: intervista ad Alfonso Pecoraro Scanio