• GreenStyle
  • Salute
  • Creme solari con protezione 50: chiesto ritiro di due prodotti per bambini

Creme solari con protezione 50: chiesto ritiro di due prodotti per bambini

Creme solari con protezione 50: chiesto ritiro di due prodotti per bambini

Fonte immagine: chezbeate da Pixabay

Analizzando 16 creme solari Spf 50, Altroconsumo ha scoperto in due prodotti un livello di protezione più basso di 30 punti rispetto a quanto dichiarato.

Una corretta attenzione verso le scottature in spiaggia, specie per i più piccoli, è sempre una buona abitudine. È ciò che ha spinto Altroconsumo, nota associazione dei consumatori, a redigere un’analisi dettagliata di 16 creme solari con protezione Spf 50 (un altissimo Fattore di Protezione Solare, particolarmente indicato per i bambini), al fine di verificarne l’effettivo grado di schermatura dai raggi del sole. Sulla base delle rilevazioni effettuate in laboratorio, in due dei prodotti analizzati è stato riscontrato una dato reale pari o poco inferiore a 20, una misura più bassa di ben 30 punti rispetto a quanto dichiarato pubblicamente.

Stando ai risultati del test di Altroconsumo, sono due i prodotti non conformi al grado di protezione dichiarato: “Rilastil Baby transparent spray wet skin” e “Isdin Transparent spray wet skin”. Rispettivamente, gli esami in laboratorio hanno riscontrato un Fattore di protezione solare di 20,8 (per Rilastil) e 16,5 (per Isdin), numeri confermati anche dalle controanalisi di rito. A fronte di queste rilevazioni, l’associazione ha provveduto a segnalare al ministero della Salute i due prodotti, richiedendone un ritiro immediato dal mercato.

Un adeguato ed affidabile grado di sicurezza della pelle ai raggi solari permette di ridurre i rischi e i pericoli derivanti dai raggi UVA e UVB. Nel caso dei primi, una sovraesposizione costante e senza adeguate tutele può provocare un precoce invecchiamento della pelle, mentre i secondi sono responsabili nella produzione di eritemi e melanina negli stati più superficiali della cute.

In entrambi i casi, un non corretto e costante uso delle creme solari può costituire, nel lungo periodo, un fattore di rischio per la formazione di tumori cutanei.

Un elemento in più, per fare attenzione sulla reale efficacia del migliore amico della nostra pelle in questa rovente estate.

A seguito della pubblicazione dell’articolo abbiamo ricevuto un documento che spiega la posizione di Rilastil, brand dell’Istituto Ganassini. Il documento è integralmente visibile e scaricabile da questo indirizzo: Nota Informativa Rilastil

Fonte: Altroconsumo

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Emergenza Climatica Roma: consegna della petizione alla sindaca Virginia Raggi