• GreenStyle
  • Attualità
  • Correre per l’Artico: l’impresa compiuta da Pau Capell per il cambiamento climatico

Correre per l’Artico: l’impresa compiuta da Pau Capell per il cambiamento climatico

Correre per l’Artico: l’impresa compiuta da Pau Capell per il cambiamento climatico

Fonte immagine: Comunicato Stampa

Il campione di ultra trail Pau Capell ha corso 250km in 5 giorni attraverso l’Artico per sensibilizzare sugli effetti del cambiamento climatico.

È incredibile quello che si può fare per l’ambiente se si ha veramente il desiderio di cambiare la situazione: lo scorso novembre il campione di ultra trail Pau Capell ha corso 250km in 5 giorni attraverso l’Artico per aiutare la causa ambientale. Nonostante le temperature glaciali, i venti fortissimi e i percorsi ricoperti di neve, Capell, vincitore dell’edizione 2019 dell’Ultra Trail du Mont Blanc e atleta del team The North Face, ha portato avanti il progetto per puntare i riflettori sugli effetti devastanti che il cambiamento climatico sta avendo sul nostro pianeta.

Correre per l’Artico: il progetto rivoluzionario

Dopo la sua incredibile esperienza l’atleta ha detto:

Quando sono arrivato In Norvegia, il freddo mi ha davvero spiazzato e pensare di dover correre 50km al giorno in quelle condizioni era scoraggiante. Sono però fermamente convinto che sia fondamentale mettersi alla prova in luoghi diversi e affrontare sfide sempre nuove. Quando due anni fa sono venuto a conoscenza dei dati allarmanti rilevati dai ricercatori, ho deciso di compiere un’impresa sportiva il più vicina possibile a ciò che gli orsi polari si trovano a dover affrontare per sopravvivere.

The North Face si è rivolta alla nota glaciologa e membro del board di “Protect Our Winters Europe”, la Dott.ssa Heidi Sevestre al fine di comprendere le implicazioni del cambiamento climatico per l’ecosistema artico e il suo impatto a livello globale:

Siamo strettamente collegati all’Artico e sappiamo perfettamente che se non agiamo adesso, le temperature di tale area aumenteranno dai 5 ai 10 gradi entro la fine del secolo. Ciò comporterebbe un rapido aumento del livello dei mari, ondate di calore sempre più frequenti e altri eventi climatici estremi che avrebbero un impatto diretto su tutti noi. Ciò che è necessario comprendere è che siamo noi esseri umani la prima causa del cambiamento climatico e questo significa che siamo al contempo la soluzione al problema. Per questo motivo ogni azione che compiamo quotidianamente può avere un effetto positivo o negativo sul nostro clima. Impegniamoci affinché sia un effetto positivo.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Un time lapse mostra come l’uomo sta distruggendo la Terra