• GreenStyle
  • Pets
  • Coronavirus in UK: i gatti dei pazienti devono rimanere in casa

Coronavirus in UK: i gatti dei pazienti devono rimanere in casa

Coronavirus in UK: i gatti dei pazienti devono rimanere in casa

Fonte immagine: Pexels

In via precauzionale, i veterinari britannici hanno consigliato ai pazienti da coronavirus di tenere i loro gatti sempre in casa.

I gatti dei pazienti colpiti dal coronavirus nel Regno Unito dovranno rimanere in casa, in una sorta di quarantena a quattro zampe. È questa l’indicazione fornita dai veterinari britannici, e ripresa anche dai colleghi australiani, in merito alle recente notizie di contagi da uomo a felino. Secondo gli esperti, questa misura precauzionale si renderebbe necessaria per evitare che i quadrupedi domestici possano infettare altri simili, in attesa di nuove scoperte scientifiche.

Così come emerso nelle ultime settimane, anche i gatti possono essere contagiati dal nuovo coronavirus, seppur con sintomi molto leggeri. Un caso avvenuto in Belgio ha rivelato come la trasmissione sia possibile da uomo a felino, mentre non ci sono evidenze scientifiche del contrario: il percorso da gatto a uomo, almeno secondo gli esperti, sarebbe molto remoto se non impossibile.

In via cautelativa, i membri della British Veterinary Association e dell’Australian Veterinary Association stanno consigliando ai proprietari di accudire i gatti unicamente a casa, in presenza di un familiare positivo al COVID-19 o con sintomi e in attesa di verifica. Questo perché i felini domestici possono essere contagiati dal virus e, se lasciati in libertà, potrebbero – seppur al momento le evidenze in merito siano assai poche – coinvolgere altri simili. Tuttavia, gli stessi veterinari specificano come le chances di prendere il coronavirus interagendo con un gatto siano decisamente remote. Così ha specificato la presidente della BVA, Daniella Dos Santos:

Non stiamo suggerendo di tenere tutti i gatti in casa. Solo i gatti che vivono in famiglie contagiate, dove i proprietari sono in quarantena volontaria, e solo i felini che sono abituati a stare in casa. Alcuni esemplari non possono rimanere nelle abitazioni per motivi di stress o altre ragioni mediche.

In aggiunta, i veterinari hanno consigliato ai proprietari – indipendentemente dalla loro positività o meno al COVID-19 – il rispetto delle comuni norme igieniche. La lettiera va pulita con i guanti, è necessario lavarsi frequentemente le mani ed evitare il contatto con gli animali domestici altrui quando ci si trova fuori casa.

Fonte: Forbes

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Coronavirus: 5 consigli per evitare il contagio