• GreenStyle
  • Salute
  • Coronavirus: per evitare contagio distanza di 4.5 metri **aggiornato**

Coronavirus: per evitare contagio distanza di 4.5 metri **aggiornato**

Coronavirus: per evitare contagio distanza di 4.5 metri **aggiornato**

Fonte immagine: iStock

Un nuovo studio cinese eleva la distanza di sicurezza a 4,5 metri per non essere contagiati dal coronavirus.

Aggiornamento delle ore 15:24 di martedì 10 marzo: Lo studio citato in questo articolo è stato ritirato, non è chiaro quale sia il motivo ma il ritiro potrebbe essere dovuto alla mancanza di test scientifici probanti. Sull’argomento è intervenuta, duramente, Roberta Villa che ha parlato, senza mezzi termini di click baiting. Nel nostro caso abbiamo verificato l’attendibilità della fonte, il South China Morning Post, che abbiamo usato anche in passato per la scrittura di alcuni nostri articoli. Aggiorneremo l’articolo qualora ci sia una smentita completa dello studio.

Non è sufficiente stare ad un metro da una persona infetta per evitare il contagio da coronavirus. Neppure 2 metri bastano. Uno nuovo studio cinese, reso noto dal South China Morning Post, svela quanto sia la reale distanza di sicurezza per evitare di essere contagiati dalle particelle virali del SARS-CoV-2 (virus responsabile del Covid-19): 4,5 metri.

Inoltre il virus sarebbe capace di permanere nell’aria fino a 30 minuti e per giorni sulle superfici. La durata di permanenza sulle superfici dipenderebbe però dalla temperatura a cui viene esposto: con una temperatura di 37.5 gradi il virus sarebbe capace di rimanere vivo per almeno due giorni.

Il coronavirus inoltre rimarrebbe attivo nelle feci e nei liquidi organici fino a 5 giorni.

Queste nuove informazioni sul coronavirus hanno portato gli studiosi a ribadire l’importanza dell’utilizzo delle mascherine nei luoghi pubblici, utilissime per non essere contagiati attraverso droplet infetti, e del lavaggio accurato di mani e vestiti.

Fonte: South China Morning Post

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Coronavirus: 5 consigli per evitare il contagio