Coronavirus e Pasqua: i servizi per un pranzo in videochat

Coronavirus e Pasqua: i servizi per un pranzo in videochat

Pasqua 2020 impone l'isolamento domestico, ma si può comunque organizzare un pranzo con i cari in videochat: ecco come.

A causa della pandemia da coronavirus in corso, la Pasqua 2020 sarà certamente diversa da tutte le altre. Le restrizioni imposte per limitare i contagi renderanno impossibili gli spostamenti e, di conseguenza, anche il classico pranzo in famiglia o, ancora, con amici e parenti che giungono da lontano. Fortunatamente, per sopperire alla distanza fisica giunge in soccorso la tecnologia: ci si potrà tenere in contatto con le persone care grazie alle videochat.

Ovviamente una soluzione che non può essere paragonata alla presenza fisica, eppure sufficiente per trascorrere dei gioiosi momenti insieme. Quali sono i consigli per organizzare una videochat pasquale e, soprattutto, quali i servizi più indicati?

Pasqua e videochat: requisiti e dispositivi

Videochiamata

Prima di organizzare una videochat di Pasqua, è necessario verificare di essere in possesso di alcuni requisiti affinché l’operazione avvenga senza intoppi, nonché di alcuni dispositivi.

Il primo passo è quello di verificare la connessione a propria disposizione, fissa o mobile che sia. Per garantire un flusso audio e video costante e di qualità, è bene avere a disposizione almeno 5 Mbit/s di velocità. Si tratta di una richiesta abbastanza esigua, che può essere soddisfatta dalle principali tecnologie fisse oggi in commercio, dall’ADSL alla fibra FTTH, passando per la FTTC e il fixed wireless. Per le connessioni mobile i requisiti sono i medesimi, sia in 3G che in 4G, tuttavia è bene verificare il monte di GB mensili offerti dal proprio operatore.

Naturalmente, sarà necessario recuperare un dispositivo dotato di fotocamera o webcam, come uno smartphone, un tablet oppure un computer.

Del tutto facoltativo, ma sicuramente utile per rendere l’esperienza più immersiva, è il ricorso ad alcuni accessori. Speaker e microfoni esterni potrebbero migliorare sensibilmente la qualità dell’audio, mentre un cavalletto per la webcam o lo smartphone permetterà di mantenere l’inquadratura fissa lasciando libere le mani. Per i possessori di dispositivi per lo streaming intradomestico – come Chromecast, Amazon Fire Stick e affini – un trucco utile potrebbe essere quello di attivare il mirroring con il computer o il proprio smartphone: si potrà così osservare la persona videochiamata sul grande schermo del televisore.

Videochat: i servizi più noti

WhatsApp

Tutte le principali applicazioni di messaggistica incorporano ormai da tempo soluzioni di videochat, in alcuni casi anche di gruppo. La qualità del video e dell’audio può variare da servizio a servizio, quindi si consiglia di effettuare delle prove per trovare l’alternativa più adatta alle proprie esigenze.

Tra i software e le applicazioni più note per avviare videochiamate, si elencano:

  • Skype: il servizio di comunicazione più longevo e conosciuto, disponibile per Windows, Mac, Linux, iOS e Android;
  • WhatsApp/Telegram: le due più popolari applicazioni di messaggistica comprendono la possibilità di avviare chiamate video con i propri contatti;
  • Hangouts di Google: il servizio integrato direttamente nella propria casella GMail;
  • Facebook Messenger: non tutti forse lo sanno, ma nelle chat private di Facebook è possibile avviare videochiamate;
  • Instagram: da qualche tempo è possibile avviare videochiamate in Direct con i propri contatti;
  • FaceTime di Apple: perfettamente integrata con tutti i dispositivi a marchio mela, dai Mac agli iPhone, passando per iPad e molti altri.

Le proposte a oggi disponibili sono molto più numerose rispetto a quelle elencate, di conseguenza non si faticherà a trovare l’alternativa più adatta alle proprie esigenze. Si ricorda come alcuni di questi servizi – in particolare Skype, WhatsApp, Telegram e FaceTime – permettono di organizzare anche videochiamate di gruppo: si potranno così riunire virtualmente tutti i cari, indipendentemente dalla loro posizione sul territorio.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Coronavirus: 5 consigli per evitare il contagio