• GreenStyle
  • Salute
  • Coronavirus: il gruppo sanguigno A potrebbe essere più vulnerabile

Coronavirus: il gruppo sanguigno A potrebbe essere più vulnerabile

Coronavirus: il gruppo sanguigno A potrebbe essere più vulnerabile

Fonte immagine: Pixabay

Le persone con gruppo sanguigno A sarebbero più a rischio per un eventuale contagio da coronavirus: è quanto rivela uno studio cinese.

Le persone con gruppo sanguigno A potrebbero essere più vulnerabili all’infezione da nuovo coronavirus 2019-nCoV. È quanto rivela uno studio condotto in Cina, su un campione di 2.000 pazienti affetti da COVID-19: i pazienti di gruppo A risultavano più frequenti, e con sintomi maggiori, rispetto a quelli di gruppo 0. La ricerca è stata condotta dal Centre for Evidence-Based and Translational Medicine dell’ospedale Zhongnan, per l’Università di Wuhan.

I ricercatori, così come anticipato, hanno analizzato dei campioni di sangue prelevati da 2.000 pazienti affetti da COVID-19. Dallo studio è emerso come l’infezione sia più frequente per le persone con gruppo sanguigno A, inoltre queste tenderebbero a sviluppare dei sintomi più gravi. Così spiega Wang Xinghuan, uno dei ricercatori alla base dello studio, dalle pagine del South China Morning Post:

Le persone con gruppo sanguigno A potrebbero aver bisogno di una protezione personale maggiore per evitare il rischio di infezione. I pazienti del gruppo A contagiati da SARS-CoV-2 potrebbero inoltre aver bisogno di una sorveglianza più vigile e di un trattamento più aggressivo. Per contro, il gruppo sanguigno 0 presenta un rischio significativamente più basso per la malattia infettiva, rispetto a tutti gli altri gruppi non 0.

La ricerca troverebbe anche conferma nell’analisi di alcuni decessi a Wuhan: di 206 pazienti purtroppo scomparsi a causa del virus, quelli di gruppo A rappresentavano il 63% in più rispetto al gruppo zero e, in misura minore, agli altri gruppo. Per questa ragione, i ricercatori cinesi consigliano di effettuare un test del gruppo sanguigno già dalla fase di tampone, affinché possa essere organizzata sin da subito una sorveglianza più attiva e amministrare con tempestività tutte le cure disponibili. Allo stesso modo, gli esperti hanno voluto aggiungere:

Se sei di gruppo A, non c’è ragione di allarmarsi. Non significa che al 100% verrai infettato. Se sei di gruppo 0, allo stesso modo, non significa che sei sicuramente al riparo dal virus. È sempre necessario lavarsi le mani e seguire le linee guida delle autorità.

Fonte: South China Morning Post

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Coronavirus: 5 consigli per evitare il contagio