Contrattura muscolare polpaccio: cause e rimedi naturali

Contrattura muscolare polpaccio: cause e rimedi naturali

Consigli, esercizi e rimedi naturali contro la contrattura muscolare al polpaccio, un disturbo molto frequente fra gli sportivi come ciclisti e runner.

La contrattura muscolare al polpaccio è un trauma molto frequente, soprattutto fra gli sportivi. Questo poiché coinvolge delle fasce di muscoli che sono costantemente sollecitate dal movimento umano e che, sovente, sono soggette a estensioni innaturali o all’eccessivo sforzo. Come comportarsi in caso si verifichi questo disturbo?

La contrattura muscolare è normalmente un trauma di entità contenuta: comporta una certo dolore muscolare al polpaccio, così come l’impossibilità di compiere estensioni complete. Prima di procedere all’automedicazione, però, è sempre necessario il parere del medico e dello specialista: questo per evitare che la condizione evolva in disturbi più gravi, come lo stiramento o lo strappo.

Sintomi e cause del dolore ai polpacci

Contrattura al polpaccio
Fonte: Man stretches womans leg – muscle spasm after sport training via Shutterstock Man stretches womans leg – muscle spasm after sport training via Shutterstock

Così come si è ampiamente spiegato in un precedente intervento, la contrattura muscolare non è altro che una lesione blanda dei muscoli, data da un aumento involontario del loro tono. Non a caso, è chiamata ipertonia. La condizione, solitamente poco grave, richiede dai 3 ai 10 giorni per la completa guarigione: a caratterizzare questo periodo saranno sintomi come dolore, rigidità simile al crampo, difficoltà nel poggiare correttamente gli arti al suolo e impedimento nell’estensione totale del muscolo.

Anche nel caso del trauma al polpaccio, così come in ogni altra contrattura, le cause sono da rilevarsi in uno sforzo troppo intenso o in un movimento scorretto dell’articolazione coinvolta. In particolare, si identificano dei fattori predisponenti: un riscaldamento inadeguato, un’attività fisica troppo intensa rispetto alle proprie possibilità, una postura scorretta o un banale incidente, anche semplicemente scendendo una rampa di scale. Non è inoltre raro che questo trauma si verifichi durante degli sport o degli esercizi specifici d’allenamento: è per ovvie ragioni estremamente frequente fra corridori, calciatori e ciclisti.

Va comunque ricordato come, pur non essendoci una lesione profonda delle fibre muscolari del polpaccio, la sottovalutazione del disturbo può portare anche a conseguenze particolarmente spiacevoli. Il polpaccio è per sua natura molto esposto a stiramenti e strappi, quindi sarà indicata la sospensione delle attività già dai primissimi sintomi.

Contrattura al Polpaccio: i rimedi

Massaggio al polpaccio
Fonte: Horizontal view of masseur massaging female calf via Shutterstock Horizontal view of masseur massaging female calf via Shutterstock

Cure farmacologiche e movimenti consigliati per le contratture

I rimedi di una contrattura al polpaccio sono di poco dissimili al disturbo che si manifesta in altre zone del corpo. Anche in questo caso, perciò, alla comparsa dei primi segnali bisognerà necessariamente rivolgersi al medico e allo specialista, così da escludere traumi più intensi e intraprendere il percorso più idoneo di cura. Spesso, infatti, potrebbero essere prescritti degli antinfiammatori e dei miorilassanti, per consentire al muscolo di tornare velocemente alle sue normali funzionalità e di rilassare le fibre, riducendo così l’ipertonia.

Non appena si verifica il trauma, è innanzitutto necessario fermare ogni attività fisica in corso. Sebbene la contrattura del polpaccio raramente impedisca di camminare, nonostante l’intenso e diffuso dolore, è sconsigliato caricare il peso del corpo sull’arto coinvolto. Di conseguenza, superato il primo soccorso con l’applicazione momentanea di ghiaccio e l’elevazione della gamba, è suggerito rimanere completamente a riposo. In casi molto gravi, non è nemmeno fuori luogo il ricorso alle stampelle.

A seconda delle tempistiche indicate dallo specialista, si potrà poi agevolare il processo di guarigione con della fisioterapia blanda, a volte abbinata anche a sedute di elettrostimolazione e tens. Anche lo stretching potrebbe rivelarsi un validissimo aiuto, purché seguito e monitorato da personale esperto: un movimento o una posizione scorretta, infatti, potrebbero accentuare il disturbo anziché diminuirlo. Suggeriti, infine, anche i massaggi decontratturanti e la ginnastica dolce.

I rimedi naturali

Sul fronte dei rimedi naturali, infine, si consiglia di far sempre riferimento al medico per evitare effetti indesiderati o reazioni avverse anche gravi. Normalmente il percorso di guarigione parte dalla dieta, incentivando l’assunzione di quegli ingredienti dal riconosciuto potere antinfiammatorio, come la curcuma e lo zenzero. Quindi si può pensare all’applicazione di qualche impacco topico, come l’aloe vera per ridurre il dolore dato l’effetto rinfrescante, l’arnica poiché antinfiammatoria o i fanghi termali. Questi ultimi, stimolando calore e circolazione, possono aiutare il rilassamento dei muscoli. Va però sottolineato come la terapia del caldo non sia sempre indicata nella contrattura: qualora vi fossero delle lesioni più profonde alle fibre, infatti, sarebbe teoricamente più indicato il freddo. Non resta, allora, che affidarsi alla guida del proprio esperto di fiducia.

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Top Green Influencer: intervista a Tessa Gelisio