Greenstyle Ambiente Animali Consigli per accudire un furetto come animale domestico

Consigli per accudire un furetto come animale domestico

Consigli per accudire un furetto come animale domestico

Il furetto, il cui nome tecnico è Mustela putorius furo ovvero faina puzzolente ladra, è un animaletto domestico con tutte le carte in regola. Vi è stato un lavoro di domesticazione dell’animale attraverso i secoli, sia per un suo utilizzo attraverso la caccia sia come animale di compagnia.

Si può considerare una sottospecie della puzzola europea (Mustela putorius) e ne esistono due specie differenti: la prima dal caratteristico pelo color marrone o nero con una sorta di mascherina che gli incornicia il musetto, e la seconda invece dal pelo candido, albino, con occhi rossi. Il pelo serve a proteggere il furetto da rovi, spine e dall’acqua.

È un animaletto vivace, molto adatto ai giochi con i bambini, perchè di indole curiosa e allegra, nonchè molto affettuosa. Le ghiandole sebacee, che possiede in abbondanza, gli conferiscono un odore molto forte e quasi selvatico. Il furetto è un animaletto sonnacchioso, passa buona parte del suo tempo a dormire, oppure in letargo. Ma quando è sveglio dedica tutto il suo tempo giocando, cercando, esplorando cose e situazioni nuove.

Vista la sua predisposizione non è indicato lasciarlo da solo, anche perchè si annoierebbe e si sentirebbe abbandonato. Possiede un animo molto delicato e sensibile, finirebbe per ammalarsi di solitudine e dolore fino a morirne. Ma quando non è possibile seguirlo dal vivo è meglio preparargli un alloggio a prova di fuga, ma al contempo comodo e funzionale.

L’ideale è una gabbia in acciaio con uno spazio adibito al sonno e al rifugio, e una cassetta per i bisogni. Meglio evitare lo zinco, al quale è allergico, e gli stracci quindi posizionare la gabbia in un luogo riparato dal freddo che possa garantirgli una tepore tra i 15° e i 20°C.

Per prolungare il suo stato di salute è importante scegliere un’alimentazione corretta e sana: è un carnivoro e come tale va considerato. Ama la carne cruda e cotta, di coniglio e quaglia, ma anche il cibo per gatti, il pellett per furetti, oltre a qualche premio come pezzetti di frutta e verdura. Indispensabile garantirli sempre cibo e acqua, ai quali attingerà con costanza ogni tre ore. Evitate però alimenti troppo molli o le scatolette, funesti per le gengive ed i denti. Infine per una salute completa portatelo dal veterinario per la vaccinazione contro il cimurro canino.

Seguici anche sui canali social