Coniglio nano: quale razza scegliere

Coniglio nano: quale razza scegliere

Fonte immagine: Pixabay

Il coniglio nano è un animale sempre più apprezzato e richiesto: ecco le razze più comuni e qualche consiglio per scegliere un esemplare da accudire.

Il coniglio nano è entrato ormai da decenni nelle case degli italiani. Sempre più persone si appassionano infatti a questo animale domestico, dall’animo docile e affettuoso, tanto da preferirlo a specie più comuni quali cani e gatti. Eppure la scelta dell’esemplare più adatto alle proprie esigenze non è semplice, poiché le tipologie sono davvero le più disparate. Quale razza di coniglio nano preferire, di conseguenza?

Prima di cominciare, è bene sottolineare come l’acquisto o l’adozione di un coniglio nano debba sempre avvenire tramite allevatori certificati. Purtroppo, esistono moltissimi malintenzionati che spacciano cuccioli di comune coniglio come esemplari nani. E i proprietari se ne accorgono solo con la crescita, ben oltre alla stazza attesa, con tutti i problemi che ciò comporta.

Coniglio nano colorato e olandese

Coniglio nano colorato

Una delle razze più comuni è quella del coniglio nano colorato. Questo nome deriva dalla molteplicità di gradazioni che ne possono determinare il mantello, anche se la più comune è quella biondo-bruna. Dalle ossa esili e dalla stazza ridotta – massimo 1.1 chilogrammi – questo quadrupede nasce dall’incrocio con antichi esemplari selvatici. Presenta un carattere docile e curioso, ama la vita in casa ma non disdegna piccole passeggiate in giardino e si caratterizza per occhi mediamente grandi e orecchie tondeggianti. La vita media è di circa 10 anni.

Altrettanto popolare è la razza del coniglio olandese. Questo esemplare presenta una stazza leggermente più generosa, di circa un paio di chili, e si caratterizza per un mantello di varie colorazioni: bianco, beige, grigio, a chiazze bianconere e molte altre ancora. Le orecchie sono allungate, così come il muso, ma il corpo rimane tondeggiante. È una delle razze più antiche d’Europa e, per questa ragione, si è perfettamente adattato alla presenza umana: giocherellone e socievole, è perfetto anche per l’interazione con i bambini.

Testa di leone e angora nano

Testa di Leone

Per gli amanti dei conigli a pelo lungo, le alternative non mancano anche nell’universo degli esemplari nani. Il testa di leone è un quadrupede caratterizzato da un folto pelo, soprattutto concentrato attorno al collo: una peculiarità che rimanda proprio alla criniera del felino africano. Di circa 1.7 chilogrammi di peso, presenta un carattere socievole e allegro, anche se molto dipende dall’ambiente in cui viene cresciuto. La sua vita media è di 7-9 anni e, data la presenza di un pelo che tende ad arruffarsi, necessita di spazzolate continue.

L’angora è una singolarissima razza a pelo lungo, dal peso di circa 1.5 chilogrammi e dal manto bianco oppure beige. Le orecchie sono allungate mentre il muso presenta solitamente una chiazza a contrasto con il resto del corpo, tipicamente bruna oppure nera. Il carattere è docile e calmo, tende ad andare molto d’accordo anche con altre razze di coniglio oppure con criceti e cavie. Anche in questo caso, il lungo pelo richiede spazzolate e manutenzione continue.

Ariete e Himalaya

Coniglio nano Ariete

La razza ariete è molto richiesta dagli appassionati di tutto il mondo, grazie ad alcune peculiarità uniche nel suo genere. Oltre a una grande variabilità nel manto, con una novantina di colorazioni diverse, questo esemplare si caratterizza soprattutto per le sue orecchie basse e stese lungo ai lati del muso. Del peso di circa due chili, presenta un carattere docile e intelligente, tanto da essere incline all’addestramento domestico. Ad esempio, la razza ariete si abitua facilmente a fare i bisogni in luoghi deputati, rendendo così la pulizia della gabbietta più agevole.

L’Himalaya ricorda nelle fattezze un comune coniglio d’allevamento, solo di dimensioni inferiori. Di circa due chili, si caratterizza per gli occhi rossi, le orecchie erette e un manto bianco, solcato da macchie sulle zampe e proprio sulle orecchie. Dall’animo calmo e socievole, si lega facilmente a tutta la famiglia, anche se non ama trascorrere gran parte del proprio tempo in gabbia.

Altre razze minori

Coniglio nano bianco

Le razze di coniglio nano sono davvero moltissime, elencarle tutte potrebbe essere operazione davvero difficile. Tra le meno comuni da prendere in considerazione, vale la pena di citare:

  • Polacco: un esemplare di piccolissima stazza, spesso inferiore al chilo, dal manto morbido e candido. Il corpo e il muso arrotondato, a cui si aggiungono orecchie piccole, lo rendono esteticamente più simile a un gattino;
  • Hot hot: divenuta decisamente popolare grazie ai social network, questa razza si caratterizza per un manto completamente bianco ma dagli occhi circondati di chiazze scure, marroni oppure nere;
  • Rex: dalle orecchie lunghe e affusolate, presenta un manto corto ma molto morbido, nonché colorazioni scure solcate da collarini a contrasto.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Gli ululati dei lupi risuonano tra le strade del paese