• GreenStyle
  • Pets
  • Milano, zone riservate ai cani su tram e metro: ecco cosa cambierà

Milano, zone riservate ai cani su tram e metro: ecco cosa cambierà

Milano, zone riservate ai cani su tram e metro: ecco cosa cambierà

Arrivano nuove regole per la gestione dei cani a Milano: ecco tutte le novità volute dall'amministrazione comunale.

Acqua e sapone sempre in borsa per pulire i marciapiedi della città se il cane dovesse decidere di fare la pipì sul marciapiede, aree riservate su bus e tram e tante altre norme per dare una regolamentazione alla presenza dei quattrozampe su strada. La notizia arriva da Milano e sta facendo molto discutere per la rigidità delle regole, ma dal web arrivano anche tanti commenti positivi.

Comune di Milano: tutte le regole per i cani

Comune di Milano: tutte le regole per i cani

Il Consiglio comunale di Milano ieri ha proseguito nell’esame degli emendamenti al testo. E se il voto finale ancora manca, di fatto i punti cardine del provvedimento sono già stati fissati. Eccone alcuni:

  1. Esisterà un patentino per le razze più pericolose: l’emendamento, presentato dal pd Carlo Monguzzi, prevede l’obbligo per i padroni di seguire un corso di tre giorni organizzato dall’Ats. I trasgressori non solo dovranno pagare una multa (fino a 500 euro), ma anche far indossare all’animale la museruola fino al conseguimento del patentino: la norma dovrebbe riguardare circa un terzo dei 100 mila cani che ci sono a Milano. Il padrone dimentica il patentino, il cane indossa la museruola, è proprio così.
  2. Verranno inerite sugli Atm “vagoni o aree dedicate agli animali e ai loro proprietari, con apposita segnaletica e porta guinzagli”: l’emendamento, a firma della dem Alice Arienta, chiede insomma di identificare con dei cartelli i posti dove i padroni potranno portare i loro quattrozampe, senza dare fastidio agli altri passeggeri
  3. Non si potrà più fumare nelle aree cani.
  4. Regole serratissime anche per i circhi: “Il Comune sin dall’entrata in vigore di questo regolamento disincentiva sul proprio territorio l’attendamento di circhi, spettacoli e mostre itineranti con al seguito esemplari meritevoli di particolare protezione
  5. Ci sarà l’obbligo per i cittadini di raccogliere da terra le deiezioni dei canine (multe fino a 460 euro) e di fare il possibile per evitare che il cane urini per strada. In caso lo facesse, dovranno pulire (vicino alle entrate di negozi e case) con acqua e sapone.
  6. Aragoste e crostacei non potranno più essere esposti prima di essere mangiati.

Ora si attende il via libera definitivo.

 

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Questo cane ha trovato un modo efficace per protestare!