Come vedono i gatti? Visione notturna e dei colori

Come vedono i gatti? Visione notturna e dei colori

Fonte immagine: Unsplash

Gatti e vista, un binomio vincente perché il felino può vantare capacità visive senza pari: ecco le caratteristiche della visione notturna e dei colori.

La vista del gatto è nota per essere piuttosto precisa e acuta, una caratteristica che aumenta durante la nota. La conformazione particolare della retina consente loro di osservare il mondo in modo differente rispetto all’uomo, con una maggiore ampiezza del campo visivo e una spiccata capacita nel captare anche il più impercettibile dei movimenti. Nonostante queste differenze sostanziali, la percezione visiva di Fufi è diversa da quella umana in particolare per quanto riguarda i colori ed i contorni degli oggetti, soprattutto a grande distanza.

Occhio del gatto

L’occhio del gatto, come quello umano, può contare sulla presenza di bastoncelli e coni: i primi risultano in numero maggiore nel gatto e i secondi in numero inferiore rispetto all’uomo. I bastoncelli servono per migliorare la vista durante l’assenza di luce e per captare ogni minimo movimento, i coni invece sono associati ai colori ed entrambi sono fotorecettori. L’occhio felino è caratterizzato da tre membrane di tessuto: l’esterna più fibrosa è composta dalla sclera e dalla cornea, quella centrale più spessa è nota come vascolare ed è composta da coroide, corpo ciliare ed iride, quindi internamente è presente la membrana nervosa.

Campo visivo

Gattino e fiori

Il campo visivo è maggiore ed esteso, ovvero circa 200 gradi, e gli consente di individuare le prede per tempo anche se ai margini dello sguardo; inoltre la visione periferica risulta di 30 gradi per lato, ovvero 10 gradi in più rispetto all’uomo. Una panoramica senza pari che permette al gatto di avere sotto controllo uno spazio piuttosto vasto, anche se ai lati l’immagine risulta leggermente sfocata.

Visione notturna

Di notte la vista migliora e risulta quasi otto volte più efficace e precisa rispetto a quella umana, grazie al tapetum lucidum e alla presenza dei bastoncelli. Le pupille si dilatano in assenza di luce migliorando la visibilità notturna e mostrando un ambiente quasi rischiarato e definito.

Colori

Gatto

In passato sono stati considerati daltonici ma in realtà, i gatti, percepiscono quasi tutti i colori, in particolare blu, verde, giallo e violetto, mentre in modo meno vivido il rosso, l’arancione e il marrone. Questo è dato dall’assenza della fovea, ovvero la parte centrale della retina che garantisce una visione davvero acuta, tipica dell’uomo. Al contempo, la stessa retina felina risulta maggiormente sviluppata e in grado di individuare rapidamente gli oggetti in movimento.

Distanza

Maggiore è la distanza più alta è la difficoltà a mettere a fuoco l’immagine, una nitidezza di sguardo più marcata nell’uomo rispetto al gatto costretto ad avvicinarsi all’oggetto per focalizzarlo. Cioè è dato da una carenza di tapetum lucidum, ovvero uno strato di cellule poste dietro la retina e in grado di aumentare il quantitativo di luce percepito.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Cucciolo di cane allevato da una gatta