Come pulire la pelle di camoscio: rimedi naturali e cura

Come pulire la pelle di camoscio: rimedi naturali e cura

La pelle di camoscio è esteticamente molto apprezzata ma ha un grosso limite: si graffia e macchia facilmente; ecco dei consigli per prendersene cura.

La pelle di camoscio, apprezzata per la sua semplicità e bellezza estetica, presenta un morbido strato interno in pelle di mucca, cervo o maiale. Anche se è molto delicata. Risulta quindi molto difficile prendersene cura ogni giorno, ma anche pulirla da macchie e sporcizia. Ecco perché esistono alcune accortezze che si possono seguire e che possono portare ad ottimi risultati senza correre il rischio di rovinarla definitivamente.

Come si pulisce la pelle di camoscio?

Come si pulisce la pelle di camoscio?

Per operare una pulizia accurata, bisogna iniziare scegliendo dei prodotti adeguati: la prima decisione da prendere è quella di adottare prodotti naturali per non rischiare che gli agenti chimici possano rovinare l’oggetto in camoscio. Molti dei prodotti che vengono venduti come perfetti per la pulizia della superficie in realtà nel lungo periodo rovinano la pelle di camoscio. Il consiglio è quindi quello di leggere sempre attentamente l’etichetta e prediligere solo marchi green. Il passo successivo è acquistare una spazzola per camoglio a due lati: il primo con setole di metallo per eliminare la sporcizia, l’altro in gomma per sollevare i peli del camoscio. Procedere dunque passando delicatamente la spazzola e concludere la pulizia con le setole di metallo. Un rapido prontuario di consigli:

  • Passare la spazzola per togliere la polvere e la sporcizia e soprattutto per eliminare i segni che già presenta la superficie;
  • Se il capo dovesse essere macchiato di fango, attendere che si secchi e poi passare la spazzola;
  • Non usare la spazzola contropelo altrimenti il rischio è il danneggiamento
  • Procedere con movimenti delicati e brevi per ravvivare il pelo.
  • In mancanza di spazzola si usare anche uno spazzolino da denti o un panno ruvido.

Per le macchie più consistenti è vivamente consigliabile uno spray protettivo, completamente naturale. Si può acquistare nei negozi specializzati, dal calzolaio o nei negozi in cui vendono capi in pelle. È utile per proteggere i capi in camoscio dall’acqua e dagli elementi che potrebbero macchiarli o danneggiarli: è consigliato usarlo almeno una volta l’anno per mantenere i propri prodotti freschi e protetti davvero in ogni momento. Nel caso sul camoscio dovesse cadere l’acqua,  bisogna usare subito un panno per tamponare senza applicare troppa pressione, altrimenti il rischio è quello di penetrare l’acqua nella pelle. Basta tamponare e attendere che si asciughi autonomamente. Le macchie di  caffè, succo e tè di eliminano con una salvietta di carta e anche in questo caso tamponando delicatamente per non rischiare di lasciare segni.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

CrossFit a casa: quinta lezione