Come far mangiare le verdure ai bambini con un “trucco”

Come far mangiare le verdure ai bambini con un “trucco”

Un nome accattivante fa mangiare anche le verdure che di solito i bambini lasciano nel piatto, lo rivela uno studio della Cornell University.

Basta cambiare un po’ il nome del piatto per renderlo più appetibile. Lo sanno bene gli chef stellati che fanno apprezzare anche agli occhi e alle orecchie quello che cucinano per i propri clienti. Il trucco funziona benissimo anche per far mangiare le verdure ai bambini e migliorare la loro dieta senza provocare capricci.

Alla Cornell University si studia psicologia alimentare e l’ultima ricerca pubblicata analizza quanta verdura in più mangiano i bambini se ai vegetali si danno nomi divertenti. A 147 ragazzini tra gli 8 e gli 11 anni sono state presentate le carote nella mensa scolastica per tre giorni di fila. Il secondo giorno di fianco alle carote c’era un cartello che le presentava come “carote per la vista a raggi X” oppure “piatto del giorno”, mentre il primo e il terzo giorno non vi erano etichette particolari.

Il numero di studenti che ha preso il piatto di carote non è cambiato, ma quelli che le hanno viste reclamizzate con il nome divertente ne hanno mangiate il 66%, quasi il doppio degli altri giorni in cui ne venivano consumate solo il 35%. Chiamarle “piatto del giorno” fa invece diminuire il consumo fino al 32%. In un secondo esperimento i ricercatori hanno svecchiato l’immagine anche di broccoli e fagiolini, facendone salire le vendite del 99%.

Una azienda agricola californiana, la Bolthouse Farms, aveva provato anni fa a lanciare sul mercato le carote piccole, quelle che non riusciva a vendere nei supermercati perché fuori misura, ribattezzandole “baby”. Le ha confezionate in atmosfera protettiva, pronte quindi per essere mangiate, e le ha inserite nei distributori di merendine nelle scuole, supportandole con una campagna promozionale molto sexy che invitata i ragazzini a mangiarle come fossero merendine e cibo spazzatura. L’idea è piaciuta e ora sono disponibili confezioni con tre diversi condimenti.

Insomma, se a casa i vostri bambini fanno i capricci quando date loro da mangiare le verdure, provate a presentarle in modo più simpatico invece di minacciarli. In questo modo verrà loro naturale mangiare sano anche quando potranno scegliere da soli.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

4women4earth: intervista a Max Paiella