Come cucinare i cavoletti di Bruxelles: ricette facili

Come cucinare i cavoletti di Bruxelles: ricette facili

Fonte immagine: Unsplash

Dal gusto salutare e leggermente amarognolo, i cavoletti di Bruxelles possono trovare spazio in cucina: ecco delle ricette facili per cucinarli.

I cavolini o cavoletti di Bruxelles sono i germogli ascellari della Brassica oleracea, meglio conosciuta come cavolo: entrambi presentano la tipica forma a rosetta di foglie, ma di formato differente. Sono originari del Belgio ma coltivati in tutta Europa, possiedono un gusto leggermente amarognolo, con una punta acida. Sono un alimento perfetto per chi vuole seguire una dieta ma anche depurare e disintossicare il corpo. Ottimi contro l’anemia, sono antiossidanti perfetti grazie all’apporto di sali minerali quali ferro, fosforo, potassio, calcio, quindi fibre ma anche vitamine A,C ed E, oltre ai flavonoidi e agli acidi fenolici. Si puliscono e preparano velocemente, trasformandosi in un ingrediente prezioso per ogni piatto, da gustare in ogni stagione.

Come si puliscono

Prima di avventurarsi nella preparazione di ricette golose, è necessario pulire adeguatamente i cavoletti di Bruxelles: per questo vanno lavati in acqua fredda dopo l’acquisto. Si eliminano le foglie più esterne, ovvero quelle più sciupate, quindi si taglia la base con un coltello, che appare più dura e scura. Infine si pratica sul cavoletto un’incisione a croce, un trucco indispensabile per facilitare la cottura, quindi si sciacquano nuovamente sotto l’acqua corrente. Si consumano sempre cotti, meglio se sbollentati in acqua o saltati in padella

Antipasti

cavoletti di Bruxelles

I cavoletti di Bruxelles raramente trovano spazio tra gli antipasti, ma sono un prodotto versatile e sicuramente salutare, perfetto per qualsiasi combinazione. Basta pulirli e prepararli come anticipato, per poi cuocerli in acqua salata per massimo 20 minuti: si versa quindi un goccio di aceto per aumentarne la digeribilità.

A questo punto scolateli e tagliateli a rondelline sottili, quindi disponeteli sopra fette di pane abbrustolito e spalmato con gorgonzola: rifinite con un filo d’olio, un trito di noci e poco pepe nero. Si posso trasformare in spiedini originali da alternare con cubetti di tofu affumicato: basta farli saltare in padella e condirli con olio, peperoncino e sesamo tostato.

Primi piatti

Per un primo piatto gustoso, basta far saltare in padella una manciata di pomodorini ciliegini tagliati a pezzetti, cipolla rossa di tropea, aglio e peperoncino. A parte cuocete i cavoletti in acqua salata, scolateli con la schiumarola, versateli in padella aggiustandolo di sale e pepe. Nella stessa acqua lessate la pasta, che poi scolerete e farete saltare in padella con il resto del condimento: servite con una spolverata abbondante di formaggio grattugiato.

In alternativa, cuocete i cavoletti in acqua come di consueto, usate la stessa acqua per lessare della pasta corta, quindi scolate e versate il tutto in una pirofila con carta da forno e olio. Rifinite con besciamella e formaggio grattugiato e infornate per 30 minuti a 180 gradi. Ottimi anche con il cous cous, la quinoa, l’orzo, il riso o nelle zuppe casarecce invernali, con pane tostato.

Secondi piatti e contorni

cavoletti di Bruxelles

I cavoletti possono trovare spazio come ingrediente in più per torte salate e mobidi soufflé, accompagnare secondi di carne, pesce o vegan. Il ruolo del contorno è quello che gli si addice maggiormente, anche semplicemente tagliati a pezzetti e saltati in padella con cipolla, aglio e mandorle, oppure ammorbiditi con panna da cucina e formaggio stagionato, oppure con uvetta e pinoli. Si possono addolcire in forno con l’aggiunta di mele e arance a tocchetti, timo, sale, olio e pepe, oppure abbrustolire tagliandoli a fettine e disponendoli sulla teglia ricoperta da carta da forno, accanto a carote e peperoni, insaporendoli con olio, rosmarino, erba cipollina e sale. Infine, servire con una crema di carote e feta, conditi con olio e sale.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Seeds&Chips: intervista a Roberto Pasi – Beeing