Codice della strada 2019: le novità per bici e ciclisti

Codice della strada 2019: le novità per bici e ciclisti

Fonte immagine: Pixabay

Il nuovo Codice della strada è in discussione alla Camera per introdurre norme importanti per chi ama pedalare in città.

È in discussione alla Camera dei deputati il nuovo Codice della strada. Dalle prime indiscrezioni, sembra ci sia l’introduzione di norme importanti per chi ama effettuare i propri spostamenti in bicicletta.

Nel testo finale dovrebbero infatti esserci disposizioni riguardo la precedenza da dare ai ciclisti, sia agli incroci che ai semafori, dove non saranno più costretti a sostare dietro le auto in colonna: i Comuni dovranno predisporre nella segnaletica stradale una zona di arresto per i ciclisti, davanti alle auto, nei pressi di stop e semafori. Nei centri urbani dove persiste il limite dei 30 km/h, ai ciclisti sarà poi consentito di marciare contromano, nel caso l’amministrazione comunale lo consenta.

L’intenzione del Governo è quella di ispirarsi alle diverse esperienze di successo già diffuse in Europa come Regno Unito, Belgio e Olanda. Tra le altre misure a favore della mobilità sostenibile, quella relativa all’uso delle corsie attualmente riservate solo a taxi e autobus, e la possibilità di parcheggiare in aree apposite previste su marciapiedi e zone dedicate ai pedoni.

Inoltre, il testo di legge ancora aperto a nuovi emendamenti e modifiche, potrebbe integrare l’obbligo del casco e nuovi incentivi all’acquisto dei veicoli.

Tra le altre novità del testo, l’introduzione di parcheggi riservati alle quote rosa (per donne in gravidanza), l’aumento delle sanzioni per chi viene sorpreso a fumare o a usare lo smartphone durante la guida, e l’obbligo per i motociclisti di dotarsi di un abbigliamento tecnico per la protezione di altre parti del corpo, oltre alla testa.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Govecs a EICMA 2017: intervista a Daniele Cesca