• GreenStyle
  • Salute
  • Cocktail di pesticidi e interferenti endocrini: rischio sottovalutato

Cocktail di pesticidi e interferenti endocrini: rischio sottovalutato

Cocktail di pesticidi e interferenti endocrini: rischio sottovalutato

Fonte immagine: Pixabay

Cocktail di pesticidi e interferenti endocrini nella plastica, un rischio sottovalutato dalle norme vigenti secondo un recente studio europeo.

I cocktail di pesticidi e gli interferenti endocrini rappresentano un grave e sottovalutato rischio per l’umanità. Questo è l’avvertimento lanciato dalla dott.ssa Joelle Rüegg, tossicologa molecolare all’Institute of Environmental Medicine del Karolinska Institutet di Stoccolma, Svezia. La ricercatrice ha invitato inoltre a porre particolare attenzione su quei composti in grado di alterare il normale equilibrio ormonale dell’organismo.

Fanno parte degli interferenti endocrini non soltanto sostanze come gli ftalati e il bisfenolo A, presenti nella plastica, ma anche gli stessi pesticidi. Alcuni dei quali produrrebbero gli stessi effetti negativi sull’organismo, ha spiegato la dott.ssa Rüegg, innescando un rischio ampiamente sottovalutato dall’ampia maggioranza delle normative vigenti:

Se non teniamo conto dei molti agenti chimici che producono un effetto similare sul sistema ormonale allora stiamo sottovalutando il rischio.

Tali effetti si combinerebbero risultando fortemente dannosi, più di quanto stimato attualmente con l’analisi dei rischi legati soltanto ai singoli composti. La dott.ssa Rüegg ha partecipato attivamente a uno studio europeo denominato “EDC-MixRisk”, finalizzato proprio a individuare i rischi reali per lo sviluppo dei bambini derivanti dal cocktail di sostanze nocive.

A questo proposito sono stati misurati, attraverso analisi del sangue e delle urine, i livelli di esposizione a 41 agenti chimici in 2000 donne in gravidanza. In seguito è stata ripetuta la procedura su cellule e sugli animali. Secondo quanto affermato dai ricercatori quando la combinazione di sostanze (da un minimo di 8 fino a 15) rinvenuta nelle future mamme è stata riprodotta negli animali i risultati sono stati preoccupanti. La miscela tipica secondo gli studiosi è quella che vede un insieme di ftalati, bisfenolo A e pesticidi.

I risultati ottenuti sulle donne ed elaborati attraverso particolari modelli hanno portato alla conclusione che un cocktail di pesticidi e altri interferenti endocrini porta il rischio per lo sviluppo sessuale dei bambini dall’1% (singolo prodotto chimico) all’11%. Questo perché, ha ribadito la dott.ssa Rüegg:

Siamo esposti a migliaia di prodotti chimici allo stesso tempo, spesso a bassi dosaggi, ma in alcuni casi essi possono interagire e potenziare i reciproci effetti.

Necessario operare alcuni decisi cambiamenti nelle normative, conclude la ricercatrice, così da affrontare il pericolo per quello che davvero è, ovvero un problema di combinazione di elementi e non di singole sostanze:

Questi agenti chimici sono regolamentati attraverso differenti normative, ma all’organismo non interessa se si tratta di un pesticida o un plastificante, se è nel cibo o in una bevanda. Sta diventando importante indirizzare l’attenzione verso la combinazioni di sostanze, nel complesso.

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Emergenza Climatica Roma: consegna della petizione alla sindaca Virginia Raggi