Coca Cola e Pepsi cambiano il colorante, è a rischio cancro

Coca Cola e Pepsi cambiano il colorante, è a rischio cancro

Coca Cola: uno dei coloranti a rischio secondo lo Stato della California, avrebbe effetti cancerogeni. Cambi in arrivo negli USA, non nell'UE.

Coca Cola e Pepsi per una volta sembrano trovarsi d’accordo, quel colorante deve cambiare. La decisione presa dalle due aziende di produzione mondiale di bibite gassate deriva dalla presenza nel caramello, utilizzato per fornire alle rispettive bevande i loro tipici gusti e colori, di un elemento recentemente inserito dallo Stato della California tra quelli potenzialmente cancerogeni, il 4-mei.

Coca Cola ha dovuto operare in fretta e chiedere rapidamente ai propri fornitori di produrre il caramello necessario alla propria formula facendo sì che durante la lavorazione si generasse una minor presenza di 4-methylimidazole. La minaccia per il colosso delle bibite gassate era di dover apporre sulle proprie lattine una scritta simile a quella richiesta ai pacchetti di sigarette: “Può provocare il cancro”.

Repentino cambio di rotta quindi per Coca Cola, seguito poi da Pepsi, ma a quanto pare solo per quanto riguarda le modalità di produzione dei prodotti destinati ai consumatori del Nord America. In Europa tutto rimarrà però come in precedenza. Per i consumatori europei arrivano però le rassicurazioni sulla sicurezza della stessa azienda statunitense e quelle più importanti della Food and Drug Administration (FDA):

Per arrivare alla quantità di sostanza che iniettata agli animali sembra aver generato un cancro – puntualizza un portavoce dell’ FDA – si dovrebbero bere 1.000 lattine di Coca al giorno.


Preoccupazione che sembra quindi soltanto sulla carta, ma che ad ogni modo rilancia il potenziale rischio per la salute di un ripetuto consumo di bevande gassate. Il consiglio è sempre quello di preferire succhi di frutta e bevande il più possibile sprovviste, meglio se totalmente prive, di conservanti e coloranti di origine chimica. Il nostro corpo, papille gustative comprese, alla lunga ci ringrazieranno.

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social