Cimice asiatica: Coldiretti Emilia Romagna chiede azioni immediate

Cimice asiatica: Coldiretti Emilia Romagna chiede azioni immediate

Cimice asiatica, prosegue l'emergenza in Emilia Romagna e nel Nord Italia: Coldiretti chiede azioni immediate per contrastare il fenomeno.

La filiera italiana della frutta è minacciata dalla cimice asiatica. L’allarme viene ribadito da Coldiretti Ravenna, che invoca azioni immediate a tutela della produzione ortofrutticola della Regione Emilia Romagna e per quella nazionale. Prestiti agevolati, sgravi fiscali e contributivi oltre a moratorie sulle rate (in essere) dei prestiti bancari sono tra gli interventi richiesti, insieme alla pressione sui vari ministeri interessati affinché si arrivi presto all’utilizzo di un parassitoide.

Sulla questione cimice asiatica e filiera produttiva della frutta è intervenuto in questi giorni Nicola Dalmonte, presidente Coldiretti Emilia Romagna e Coldiretti Ravenna, ribadendo quanto già richiesto in precedenza dal presidente nazionale Ettore Prandini:

È indispensabile creare le condizioni per passare immediatamente dalla fase propositiva a quella attuativa, sollecitando una profonda modifica della Legge 102 relativa alle calamità naturali perché così come è strutturata è a dir poco inutile.

Tra i passi necessari secondo Dalmonte vi è anche il rifinanziamento immediato del Fondo di solidarietà nazionale, ottenendo:

Le debite coperture dallo Stato, con un’azione di sensibilizzazione istituzionale coordinata e di filiera, perché il problema cimice non è solo un problema agricolo, ma anche economico e sociale.

Stessa lunghezza d’onda anche Pier Paolo Morselli, presidente cooperativa frutticola e referente di zona per Coldiretti Mantova:

Contro la cimice asiatica occorre mettere in campo azioni incisive di contrasto all’insetto, portando avanti la sperimentazione della vespa samurai. Allo stesso tempo, chiediamo alle istituzioni un’adeguata attenzione in termini di risarcimenti dei danni, azioni di sostegno economico e agevolazioni di natura fiscale.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

La tragedia di un pomodoro