• GreenStyle
  • Pets
  • Cibo per animali all’arsenico, paura fra i consumatori

Cibo per animali all’arsenico, paura fra i consumatori

Cibo per animali all’arsenico, paura fra i consumatori

La Procura di Torino sta indagando su una partita di cibo per animali contaminata all'arsenico, l'associazione EARTH richiede sia svelata la marca.

Brutte notizie arrivano sul fronte del cibo per animali: la Procura di Torino starebbe indagando sulla diffusione nei supermercato di cibo per cani contaminati all’arsenico, con dosi più alte rispetto ai limiti stabiliti per legge.

La partita alimentare, potenzialmente tossica, è proveniente dalla Thailandia e diffusa in molti ipermercati e supermercati del torinese, sebbene non è dato sapere alla stampa quale sia il nome della marca in oggetto. I livelli di arsenico riscontrati sono di 6 milligrammi al chilo, contro i 4 massimi previsti dalle normative di sicurezza. Grande paura fra i consumatori, anche se i possibili effetti dannosi sugli amici a quattro zampe non sono ancora certi, né quantificabili.

A scendere in campo è l’associazione EARTH che, dalle parole della presidente Valentina Coppola, comunica l’intenzione di adire le vie legali per garantire un maggior rispetto del consumatore, con la richiesta che i nomi delle aziende poco attente alla salute degli animali siano svelati ai clienti:

«Vogliamo che sia resa nota la marca dei mangimi incriminati e quali sono le grandi distribuzioni che li commerciano, poiché è verosimile che tali cibi circolino liberamente su tutto il territorio italiano. È inaccettabile che si presti maggiore attenzione all’interesse economico delle aziende che alla salute degli animali.»

In attesa di saperne di più sul caso, consigliamo ai consumatori di prestare particolare attenzione alle etichette di cibo in scatola o crocchette, preferendo quelle con produzione nazionale o all’interno dei confini dell’Unione Europea. Come già accennato, i cibi contaminati dovrebbero provenire tutti dalla Thailandia, anche se è dato sapere se ci si riferisca a un prodotto finito d’importazione o, in alternativa, di solo alcuni ingredienti poi confezionati sullo Stivale.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Alla scoperta del Monte Amiata