• GreenStyle
  • Pets
  • Chiudono gatto nella cassetta della posta: il felino muore

Chiudono gatto nella cassetta della posta: il felino muore

Chiudono gatto nella cassetta della posta: il felino muore

Fonte immagine: Pixabay

Ignoti hanno chiuso un gatto all'interno di una cassette della posta: l'animale è purtroppo deceduto per il troppo caldo, mentre scoppia la polemica.

Un gatto è stato chiuso all’interno di una cassetta della posta, per poi perdere la vita poco dopo a causa del caldo soffocante dovuto all’improvvisata prigione di metallo. È questo l’ultimo atto di crudeltà sugli animali che ha sconvolto l’opinione pubblica statunitense, pronto a generare indignazione in tutto il mondo data la velocità con cui la notizia è stata diffusa sui social network.

Il tutto accade in Alabama, presso Tallapoosa County, quando un residente si è recato verso la sua cassetta delle poste per ritirare la quotidiana corrispondenza. Anziché trovare buste e comunicazioni pubblicitarie, però, all’interno del contenitore metallico giaceva un gatto ormai senza vita. Allertate le autorità, gli esperti hanno confermato come il felino fosse in vita quando rinchiuso nella cassetta e come, con molta probabilità, sia purtroppo deceduto per via delle elevate temperature all’interno dell’oggetto metallico, scaldato dal sole.

Le lettere presenti nella cassetta, infatti, presentavano graffi lasciati dall’animale nel tentativo di fuggire, così come le pareti interne del contenitore. Il proprietario della cassetta, quest’ultima connessa al suo business nel campo medicale, non ha riconosciuto il quadrupede in questione, né pare sia stato mai avvistato nel vicinato. Si sospetta, di conseguenza, possa trattarsi di un esemplare randagio oppure sottratto indebitamente da altri quartieri della città.

Gli agenti di polizia stanno investigando sul caso, anche perché al momento non è chiaro se si sia trattato di uno scherzo sfociato nella peggiore delle conseguenze o, ancora, qualcosa di più serio come un avvertimento. Considerato come l’animale non mostri segni di violenza fisica, quest’ultima ipotesi risulterebbe assai remota. A oggi nessun responsabile è stato identificato: il colpevole, se la polizia riuscirà a rintracciarlo, rischia di essere chiamato a pagare un multa salatissima, nonché la condanna al carcere.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Cucciolo di cane allevato da una gatta