• GreenStyle
  • Pets
  • Alce uccide il cacciatore che l’aveva ferita il giorno prima

Alce uccide il cacciatore che l’aveva ferita il giorno prima

Alce uccide il cacciatore che l’aveva ferita il giorno prima

Un cacciatore è stato ucciso da un'alce nell'Oregon: l'esemplare ha incornato l'uomo il giorno dopo essere stato ferito con una freccia.

Un cacciatore è morto negli USA, incornato e ucciso dalla stessa alce che aveva ferito il giorno precedente. La notizia arriva dagli USA, più precisamente dall’Oregon, dove a farne le spese è stato il 66enne Mark David. L’uomo si era recato presso una tenuta privata armato di arco, pronto a dimostrare le sue abilità uccidendo l’esemplare a colpi di freccia.

La prima battuta di caccia è avvenuta sabato, quando David ha ferito l’alce con una freccia. L’animale è riuscito a fuggire facendo perdere le sue tracce, tanto che col sopraggiungere del buio l’uomo ha abbandonato le ricerche. L’appuntamento tra i due era soltanto rimandato, con il cacciatore deciso il giorno successivo a completare la sua “missione”.

Alle nove del mattino di domenica Mark David è tornato nella proprietà e ha ripreso l’inseguimento dell’alce. Una volta rintracciato l’animale, il cacciatore si è preparato a scoccare un’altra freccia. Mentre l’uomo si preparava a colpire, l’esemplare si è avvicinato rapidamente e ha consumato la sua personale vendetta colpendo il 66enne con le sue robuste corna. Le lesioni riportate al collo non hanno lasciato scampo a David, deceduto nonostante i tentativi di assistenza del proprietario della tenuta.

Malgrado l’alce fosse riuscita a difendere la sua vita e a consumare la propria vendetta, il suo destino era segnato. Stando a quanto riferito dalla polizia di Stato dell’Oregon, successivamente l’esemplare è stato ucciso e le sue carni cedute gratuitamente alla prigione della contea di Tillamook.

Quella di Mark David rappresenta una delle circa 700 morti legate agli animali selvatici. Si tratta però di statistiche composte perlopiù da vittime di incidenti stradali, sebbene non manchino altri esempi come quello del cacciatore ucciso.

Fonte: La Stampa

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Gli ululati dei lupi risuonano tra le strade del paese