• GreenStyle
  • Pets
  • Centinaia di delfini mutilati sulle spiagge della Francia

Centinaia di delfini mutilati sulle spiagge della Francia

Centinaia di delfini mutilati sulle spiagge della Francia

Fonte immagine: Pexels

Centinaia di delfini sono stati rinvenuti senza vita, e con i corpi mutilati, sulle spiagge francesi: colpa delle reti a strascico e da posta.

Centinaia di delfini senza vita sono stati rinvenuti sulle spiagge di Les Sables d’Olonne, un comune affacciato sulla costa atlantica della Francia. È quanto confermano i volontari della division d’Oltralpe di Sea Shepherd, così come sottolinea l’Independent, i quali testimoniano la presenza di estese mutilazioni sui corpi esanimi degli animali. Secondo gli esperti, i delfini potrebbero essere deceduti a seguito delle intense attività di pesca della zona, finendo intrappolati nelle reti da posta e da strascico.

Secondo quanto riferito dall’associazione, ogni anno oltre 10.000 delfini rimarrebbero vittime della pesca a largo delle coste francesi. I loro corpi sarebbero trasportati dalle correnti sulle spiagge, per poi essere raccolti dalle autorità locali e raggruppati in decine di esemplari, prima della spedizione dei cadaveri in centri di smaltimento.

Così come già accennato, i delfini rinvenuti da Sea Shepherd presentavano numerose mutilazioni, tra cui pinne assenti o strappate, profonde ferite da taglio lungo tutto il corpo, fratture e molto altro ancora. Tutte ferite che, così come lo stesso Independent sottolinea, sarebbero compatibili proprio con le reti da pesca: i cetacei rimarrebbero impigliati proprio nelle maglie delle reti e, nel tentativo di divincolarsi, le corde taglierebbero la pelle come affilate lame, tanto da provocare vere e proprie mutilazioni.

Per i delfini intrappolati, la morte sopraggiunge in molto violento e doloroso, dopo una lunga agonia. Il decesso è infatti per soffocamento: i delfini non presentano branchie, bensì polmoni, e necessitano di tanto in tanto di risalire in superficie per espellere tramite lo sfiatatoio l’aria ricca di anidride carbonica tramite e inspirare ossigeno.

Il danno causato dalle reti da pesca sulla popolazione di delfini è noto ormai da parecchio tempo, tanto che nel 2016 l’osservatorio Pélagis di La Rochelle ha espresso forti preoccupazioni. I ritmi di pesca attuali, infatti, potrebbero portare all’estinzione delle specie locali:

I delfini sono delle specie sensibili, molto lente nella riproduzione. Quando il declino della loro popolazione diventa rilevabile, è già troppo tardi. Se vogliamo continuare a vedere i delfini in Francia, dobbiamo imporre misure immediate ora. Tuttavia, la Francia sta facendo orecchie da mercante agli allarmi degli scienziati e l’industria della pesca si approfitta dell’ignoranza in materia del pubblico.

Fonte: Independent

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

Il parto in diretta di una rara giraffa di Rothschild