• GreenStyle
  • Salute
  • Carne rossa aumenta i rischi per il cuore, studio lo conferma

Carne rossa aumenta i rischi per il cuore, studio lo conferma

Carne rossa aumenta i rischi per il cuore, studio lo conferma

La carne rossa e quella processata aumentano i rischi per il cuore, a sostenerlo uno studio statunitense.

Mangiare carne rossa anche solo un paio di volte a settimana aumenta i rischi per il cuore. Secondo i ricercatori della Northwestern University di Chicago a nuocere all’apparato cardiovascolare anche quella processata. In più entrambi gli alimenti incrementerebbero anche il pericolo di mortalità generale. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista scientifica JAMA Internal Medicine.

I ricercatori statunitensi hanno esaminato la dieta seguita (indicata dai partecipanti stessi) da 29.682 uomini e donne di età media pari a 53 anni. Le porzioni di carne rossa o pollame consumate dai partecipanti sono state valutate facendo corrispondere una porzione a circa 115 grammi. Per quanto riguarda la carne processata ogni porzione corrisponde ad esempio a due fette di bacon, due salsicce piccole o un hot dog.

Secondo i ricercatori due porzioni di carne rossa o processata basterebbe per incrementare del 3% il rischio di mortalità per qualsiasi causa legata all’alimentazione, mentre alcune differenze vi sarebbero nello specifico per problemi al cuore: la rossa provocherebbe un +4%, mentre la processata un +7%.

Anche la carne di pollo incrementerebbe il rischio cardiaco del 4% secondo i ricercatori, che tuttavia sottolineano come in questo caso molto faccia la cottura e la decisione di mangiare o meno la pelle. Ha dichiarato l’autore principale dello studio, ora passato alla Cornell University di New York, il Dott. Victor Zhong:

Il pollo fritto, specialmente ricco di acidi grassi trans, e il pesce fritto sono stati collegati ai disturbi cronici. Il nostro studio mostra come il collegamento tra malattie cardiovascolari e mortalità sia solido.

Modificare l’assunzione di questi cibi contenenti proteine animali potrebbe rivelarsi una strategia importante per aiutare a ridurre il rischio di malattie cardiovascolari e di morte prematura.

Fonte: Daily Mail

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

I Video di GreenStyle

5 usi sorprendenti dell’aloe vera