• GreenStyle
  • Salute
  • Carne magra aumenta il rischio di insufficienza cardiaca del 43%

Carne magra aumenta il rischio di insufficienza cardiaca del 43%

Carne magra aumenta il rischio di insufficienza cardiaca del 43%

Fonte immagine: mrsiraphol / Freepik

Mangiare troppa carne magra aumenterebbe del 43% il rischio di incorrere nell'insufficienza cardiaca, secondo uno studio finlandese.

Mangiare carne magra potrebbe aumentare del 43% il rischio di incorrere in insufficienza cardiaca. Alcuni sono soliti mangiare carne con poco contenuto di grasso per restare in forma. Eppure forse non è proprio una scelta salutare.

Gli esperti dell’Università della Finlandia Orientale hanno scoperto che un eccesso di proteine di carne di manzo, di pollo o di maiale potrebbe favorire l’insorgenza dell’insufficienza cardiaca nei soggetti di età compresa tra 42 e 60 anni.

I risultati della ricerca, pubblicati sulla rivista dell’American Heart Association, Circulation: Heart Failure, sono stati molto chiari nell’avvertire che diete ad alto contenuto proteico a base di carne magra possono determinare sintomi come mancanza di respiro, gonfiore alle caviglie e alle gambe, frequenza cardiaca accelerata ed eccessiva stanchezza, tutte manifestazioni tipiche dell’insufficienza cardiaca acuta o cronica.

Eppure queste diete vengono spesso raccomandate dai nutrizionisti per costruire muscoli e perdere massa grassa. Il nuovo studio, che ha preso in considerazione più di 2 mila volontari, pone un vero e proprio allarme per l’insufficienza cardiaca, che è una condizione grave in cui il cuore non è in grado di pompare sangue nel corpo in modo appropriato. L’autore principale dello studio, Jyrki Virtanen, ha dichiarato:

Poiché molte persone sembrano dare per scontati i benefici delle diete proteiche, sarebbe importante chiarire i loro possibili rischi e benefici. Studi precedenti hanno trovato un collegamento fra queste diete ricche di proteine che provengono soprattutto da fonti animali, con un incremento del rischio di incorrere nel diabete di tipo 2.

I ricercatori hanno affermato che è essenziale prevenire l’insufficienza cardiaca attraverso la dieta e lo stile di vita. La coautrice dello studio, Heli Virtanen, ha spiegato:

Nonostante la popolarità delle diete ad alto contenuto proteico, si sono fatte poche ricerche su come questi regimi alimentari possano avere un impatto importante sul rischio di insufficienza cardiaca.

L’American Heart Association raccomanda un tipo di alimentazione che limiti l’assunzione di carne magra o carni rosse in generale, bevande zuccherate e dolci, privilegiando frutta, verdura, cereali integrali, pesce, oli vegetali e latticini a basso contenuto di grassi.

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social